Un Mondo di Giochi: Le trottole

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Un Mondo di Giochi: Le trottole

L’obiettivo di questa rubrica vuole essere quello di proporre diversi giochi (attività ludiche, che dir si voglia) rivolti in particolare al mondo della scuola (sia essa dell’infanzia o media, primaria e secondaria) ma anche a tutte quelle discipline che sono alla ricerca di un momento ludico per rafforzare le relazioni socio-affettive.

Il gioco che vi propongo oggi lo vidi per la prima volta nel libro: “Motricità e gioco”. Personalmente non ho fatto altro che aggiungere quel pizzico di competizione, di cui a mio avviso mancava, apportando alcune semplici modifiche.

Nel corso degli anni l’ho utilizzato con diverse fasce d’età, dalle elementari agli Adulti, ottenendo sempre ottime considerazioni. Ciò che cambia davvero è l’interpretazione diversa che ne danno bambini e adulti. Se coi primi viene vissuto puramente sotto l’aspetto ludico, coi più grandi – soprattutto se trasferito ad una disciplina dove non si mescolino maschi e femmine – si trasforma in una prova di forza, pur mantenendo la ludicità del gioco.

Formiamo due squadre. Ognuna di queste squadra si dispone in cerchio e si prende per mano.

Un giocatore per squadra, scelto dall’allenatore, inizia il gioco all’esterno del cerchio.
I due giocatori designati dovranno indicare ad alta voce il nome di un componente dell’altra squadra e al via avranno l’obiettivo di toccare il giocatore indicato.

L’altra squadra, naturalmente, ruoterà su sé stessa per difendere l’obiettivo (il compagno designato), mantenendolo il più lontano possibile dal cacciatore.

Ottiene 1 punto chi per primo, tra i due cacciatori, riesce a toccare l’obiettivo dichiarato.

A questo punto i giocatori che erano stati indicati diventano i due nuovi cacciatori e si portano nei pressi dell’istruttore per dichiarare i prossimi obiettivi e al via ricomincia il gioco.

Una variante coi più grandi può prevedere che i cacciatori enuncino la preda solamente all’istruttore. Le trottole dovranno ruotare non conoscendo in anticipo il bersaglio dell’avversario.

Osservazioni

Dovranno essere indicati tutti i partecipanti, non sempre gli stessi. Vince la squadra che arriva per prima ad un numero di punti prestabilito.

Coi più grandi, fuori dall’ambiente scolastico, viene tutto concesso. Alcuni cacciatori proveranno a rompere le trottole (i cerchi) per entrare e accorciare la distanza tra loro e l’obiettivo.

Si ricorda che le trottole non potranno mai staccarsi spontaneamente; bisognerà sempre rimanere uniti per mano.

Una variante interessante è quella suggerita dal collega Francesco Bertagna: “un gioco simile l’ho visto fare in Malawi. Cacciatore e preda partono entrambi da dentro il cerchio. Il cerchio è composto dai compagni della preda. Quest’ultima può anche uscire dal cerchio passando tra due compagni e questi, appena fatto passare la preda, possono stringersi per non far uscire anche il cacciatore.

 

Foto: http://www.romanocheli.com

Share.

About Author

Diego Franzoso

Franzoso Diego, nato a Rovigo il 15/04/1983. Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche dell'Attività Motoria Preventiva e Adattata. Allenatore UEFA B e Istruttore CONI-FIGC. Attualmente allenatore dei Giovanissimi Regionali Élite dell'AC Este

7 commenti

  1. Avatar
    Francesco Bertagna on

    Un gioco simile l’ho visto fare in Malawi.. Solo che cacciatore e preda partivano entrambi da dentro il cerchio. Chi componeva il cerchio erano compagni della preda e si tenevano per mano.. La preda poteva anche uscire dal cerchio passando tra due compagni e questi, appena fatto passare la preda, poteva stringersi per non far uscire anche il cacciatore.. Molto divertente anche con i più grandi e grande sforzo fisico.. Ovviamente in Malawi chi componeva il cerchio cantava di maledetto.. 🙂

  2. Avatar
    massimo martinelli on

    ciao Diego veramente bello per i piccoli…per i più grandi sim potrebbe inserire il pallone all’interno del cerchio così il cacciatore
    deve fare pressione costante e all’interno il pallone deve viaggiare
    a 1000….cosa ne pensi??

    • Diego Franzoso

      Intendi quindi un torello? cioè all’interno del cerchio c’è solo il cacciatore e gli avversari sono TUTTI in cerchio?
      Perchè così il gioco cambia radicalmente, non è più la stessa cosa 🙂

  3. Avatar
    massimo martinelli on

    No Diego mi sono espresso male …il cacciatore rimane sempre all’esterno del cerchio e cerca di conquistare il punto toccando il giocatore che è in possesso palla nel cerchio.saluti

Leave A Reply