Un Mondo di Giochi: One shoot

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Un Mondo di Giochi: One shoot

L’obiettivo di questa rubrica vuole essere quello di proporre diversi giochi (attività ludiche, che dir si voglia) rivolti in particolare al mondo della scuola (sia essa dell’infanzia o media, primaria e secondaria) ma anche a tutte quelle discipline che sono alla ricerca di un momento ludico per rafforzare le relazioni socio-affettive.

Gioco rivolto per lo più alla scuola secondaria (di primo e secondo grado) ma che potrebbe rivelarsi molto interessante e adatto anche per le classi quarta e quinta elementare. La fascia d’età consigliata è quella dai 10 anni agli adulti.

Il campo di gioco è indicativamente quello da pallavolo (18×9) ma coi più grandi e disponendo di spazi maggiori, consiglio di aumentare la superficie di gioco.

Formiamo due squadre o più squadre, a seconda del numero di allievi a disposizione; da un minimo di 3 elementi per squadra, ad un massimo di 4. Sulla linea opposta, davanti ad ogni squadra, si colloca un cono. Ogni team è in possesso di due cerchi e una palla. Ogni squadra sceglie autonomamente un giocatore che per tutta la manche ricopre il ruolo di salterino e cecchino. I restanti giocatori avranno il ruolo di supporto al compagno.

Mentre salterino-cecchino si colloca nel cerchio più avanzato (i cerchi vengono originariamente collocati in modo adiacente e a ridosso della linea di partenza), al via dell’insegnante il primo giocatore in fila corre ad aggirare il proprio cono. Tornato indietro recupera il primo cerchio (quello più vicino alla linea di partenza) e lo mette davanti a salterino.

Di quanto lo mette avanti dipenderà dalla capacità di salterino di saltare (sempre con la palla in mano) da un cerchio all’altro. Se infatti questi poggerà un piede fuori dal cerchio, la squadra dovrà ricominciare da capo.

Collocato il cerchio, si torna dalla propria squadra a dare il cinque al compagno successivo che parte a sua volta. Il compito è il medesimo, aggirare il cono, tornare indietro, recuperare il cerchio più arretrato e metterlo davanti per far saltare salterino.

L’obiettivo finale del gioco è quello di abbattere il proprio cono lanciando la palla. Solitamente utilizzo i coni con la base larga e questo crea non pochi problemi. I ragazzi infatti non comprendono immediatamente che per abbatterlo (non colpirlo e basta) occorre colpirlo nella parte più superiore.

Salterino-cecchino potrà provare il tiro in qualsiasi momento ma, nel caso non riesca ad abbatterlo, la squadra deve ricominciare il gioco da capo. Se salterino perde per qualche ragione la palla durante l’avanzamento, si ricomincia da capo.

Vince la squadra che riesce per prima ad abbattere il proprio cono.

Osservazioni: gioco che ho proposto nella scuola secondaria di secondo grado e che ha creato non poche sorprese. In molti casi si è ritrovata a vincere la squadra che aveva fallito il tiro per prima, in seguito agli errori successivi delle altre squadre.

Oltre all’aspetto ludico, le finalità possono essere:

  • Capacità condizionali: velocità (si effettuano tratti di 18m in andata e ritorno).
  • Osservare come e quanto ogni squadra sceglie di avanzare. Tante volte i cerchi vengono posizionati troppo vicini (perdendo di fatto tempo).
  • Osservare le scelte di salterino: indica al compagno dove mettere il cerchio? Come e quando sceglie di provare il lancio?
  • Osservare il rispetto delle regole.

 

Foto: https://airsofthow.com

Share.

About Author

Diego Franzoso

Franzoso Diego, nato a Rovigo il 15/04/1983. Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche dell'Attività Motoria Preventiva e Adattata. Allenatore UEFA B e Istruttore CONI-FIGC. Attualmente allenatore dei Giovanissimi Regionali Élite dell'AC Este

Leave A Reply