Latest Articles

IL MIO ANGOLO...

By 0

Si fa presto a dire: Emozioni

Si fa presto a dire: Emozioni Preambolo L’articolo fa il paio con quello scritto nel giugno 2020: “Le emozioni non ti mentiranno mai”. https://www.ideacalcio.net/il-mio-calcio/settore-giovanile-analfabetismo-emotivo.html L’idea di questo articolo è quella…

Great Lifestyle

Articoli Premium
By 0

“Osservando dai Migliori”: Pep Guardiola – Necessitiamo di tempo che non abbiamo

In questa intervista rilasciata all’ESPN, Pep Guardiola rafforza un’opinione generale: “non esiste tempo nel calcio. Non c’è un tempo minimo perché il lavoro possa essere valutato. L’ideale sarebbero almeno 5 anni. In due mesi non si riesce a fare nulla. Non c’è tempo per assimilare le idee dell’allenatore e conoscere le relazioni sociali-affettive della squadra”.

Articoli Premium
By 0

Comportamenti Individuali: muoversi per liberare spazio e contromovimenti per liberarsi, 3c3+2J

[..] Queste due semplici regole, permetteranno l’insorgenza dei comportamenti accennati in precedenza:

utilizzo dei contromovimenti per liberarsi dall’avversario diretto. “Lungo-corto”, “corto-lungo”, “fuori-dentro”, “dentro-fuori”.
muoversi per liberare spazio. Dovendo il mio avversario seguirmi a uomo, un mio movimento in un altro settore, libera lo spazio; spazio che sarà ri-occupato da un compagno. E’ tuttavia importante sottolineare che il movimento di smarcamento non deve solamente liberare lo spazio, bensì proporsi in una linea di passaggio raggiungibile. “Mi muovo per ricevere palla”. Il liberare spazio è una conseguenza.
a questi due comportamenti individuali, ne emerge sicuramente un altro: muoversi alle spalle delle linee di pressione. Il passaggio da (J) a (J) è infatti consentito; così come tutti gli smarcamenti alle spalle del proprio avversario diretto, magari in seguito ad un passaggio interlocutorio.

Articoli Premium
By 0

Comportamenti Individuali in Fase di Non Possesso: Accorciare e Indirizzare

L’esercitazione è rivolta alle categorie Pulcini ed Esordienti ma può essere un valido mezzo pure con quella Giovanissimi; chi ha infatti acquistato gli ebook sulle “micro-situazioni di gioco, progressioni su difesa e attacco”, noterà di certo diverse somiglianze.

Il focus della proposta è rivolto ad alcuni comportamenti tattici individuali in fase di non possesso. A seconda delle capacità degli allievi e della categoria, i feedback dell’allenatore potranno essere più o meno ampi. Personalmente, proponendo l’esercitazione con un gruppo di Pulcini, ho preferito concentrarmi sui seguenti:

accorciare e frenare
indirizzare
attaccante girato non si gira
presa di posizione

From Beauty

Sports & Fitness

Articoli Premium
By 0
“Osservando dai Migliori”: Pep Guardiola – Necessitiamo di tempo che non abbiamo

In questa intervista rilasciata all’ESPN, Pep Guardiola rafforza un’opinione generale: “non esiste tempo nel calcio. Non c’è un tempo minimo perché il lavoro possa essere valutato. L’ideale sarebbero almeno 5 anni. In due mesi non si riesce a fare nulla. Non c’è tempo per assimilare le idee dell’allenatore e conoscere le relazioni sociali-affettive della squadra”.

Articoli Premium
By 0
Comportamenti Individuali: muoversi per liberare spazio e contromovimenti per liberarsi, 3c3+2J

[..] Queste due semplici regole, permetteranno l’insorgenza dei comportamenti accennati in precedenza:

utilizzo dei contromovimenti per liberarsi dall’avversario diretto. “Lungo-corto”, “corto-lungo”, “fuori-dentro”, “dentro-fuori”.
muoversi per liberare spazio. Dovendo il mio avversario seguirmi a uomo, un mio movimento in un altro settore, libera lo spazio; spazio che sarà ri-occupato da un compagno. E’ tuttavia importante sottolineare che il movimento di smarcamento non deve solamente liberare lo spazio, bensì proporsi in una linea di passaggio raggiungibile. “Mi muovo per ricevere palla”. Il liberare spazio è una conseguenza.
a questi due comportamenti individuali, ne emerge sicuramente un altro: muoversi alle spalle delle linee di pressione. Il passaggio da (J) a (J) è infatti consentito; così come tutti gli smarcamenti alle spalle del proprio avversario diretto, magari in seguito ad un passaggio interlocutorio.