Possesso Posizionale (4.2.3.1): Pressing e Ri-Aggressione Immediata

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Possesso Posizionale (4.2.3.1): Pressing e Ri-Aggressione Immediata

Nell’articolo di oggi rivediamo aggiornata una proposta pubblicata per la prima volta su Ideacalcio nel Febbraio 2015.

Si tratta di un Possesso Posizionale ideato originariamente sul sistema di gioco 4.2.3.1 ma che ognuno di voi potrà adattare in base alle proprie esigenze.

FOCUS TATTICO:

  • gestione del possesso in situazione di superiorità numerica, riconoscendo i compagni liberi e nelle migliori condizioni per dar proseguimento all’azione;
  • saper riconoscere dove la squadra avversaria concede spazi;
  • pressione e pressing in inferiorità numerica;
  • ri-aggressione immediata e consolidamento del possesso;

Dimensioni del campo di gioco 35×27. Queste sono comunque misure indicative, in quanto non tengono conto della categoria, delle capacità del gruppo, delle condizioni del terreno di gioco, del giorno della settimana in cui inseriamo l’esercitazione.

Giocatori coinvolti: 16, formando due squadre composte ciascuna da 8 elementi.

La squadra Blu si schiera con:

  • due terzini sul perimetro del campo in ampiezza, questi non possono entrare e sono attivi solo in fase di possesso;
  • due centrocampisti centrali;
  • tre mezze punte e un attaccante centrale;

La squadra gialla si dispone con 4 “cacciatori” all’interno e con 4 giocatori sul perimetro (uno per lato).

Gioco di posizione 8v44 e Lavoro a pressione

L’obiettivo per la squadra Blu è quello di mantenere il possesso sfruttando la superiorità numerica, in situazione di 8 contro 4, e ricercando come sotto-obiettivi:

  • interscambi di posizione tra i quattro elementi avanzati;
  • assicurare un ordine posizionale;

I “cacciatori” gialli devono organizzare un pressing finalizzato al recuperare del pallone e, una volta riconquistato, dovranno mantenerne il possesso con l’aiuto dei 4 compagni all’esterno, in situazione di 8 contro 6 (i due terzini Blu non partecipano infatti alla fase di non possesso).

Le sponde gialle giocano a 1 o 2 tocchi.

L’esercitazione, oltre ad essere improntata sul mantenimento del possesso, pone in rilievo il lavoro sulla transizione negativa, con il cambiamento veloce dalla fase di possesso a quella di non possesso.
Al tempo stesso viene sollecitata la transizione positiva, in particolare della squadra Gialla che, una volta recuperata palla, dovrà consolidare il possesso mediante un passaggio sicuro verso l’esterno del campo.

L’obiettivo della squadra che perde il possesso è quello di riuscire a rimpossessarsi della sfera entro 6 secondi. Se la squadra riesce a recuperare palla entro 6 secondi ottiene 1 punto.

Cambiamo i 4 interni Gialli con le 4 sponde ogni 1’30” e dopo 6′ invertiamo il compito delle due squadre.

OSSERVAZIONI

Grande rilevanza viene prestata all’azione di pressing dei 4 “cacciatori”, portando una pressione costante sul portatore e accorciando gli appoggi più vicini ad esso. Al fine di assicurare che la squadra in difesa mantenga un’attenzione elevata sul suo obiettivo, la squadra inizialmente in superiorità guadagna 1 punto ogni 5-6 passaggi consecutivi. Un numero ridotto per stimolare maggiormente la squadra in difesa.

L’esercitazione risulta essere estremamente interessante anche dal punto di vista condizionale, sviluppando in particolare la resistenza specifica.

VARIANTI

  • i due terzini Blu rimangono attivi e partecipano al recupero del pallone entrando dentro il campo di gioco;
  • le due sponde laterali gialle possano marcare i due terzini Blu, obbligando quest’ultimi a smarcarsi per poter ricevere palla;

 

Credit Immagine: https://www.mundodeportivo.com/

Share.

About Author

Diego Franzoso

Franzoso Diego, nato a Rovigo il 15/04/1983. Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche dell'Attività Motoria Preventiva e Adattata. Allenatore UEFA B e Istruttore CONI-FIGC. Attualmente allenatore dei Giovanissimi Regionali dell'Hellas Verona.

Leave A Reply