Possesso Posizionale: “Conduco per Provocare”, Superiorità Posizionale e Gestione del Possesso

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Possesso Posizionale: “Conduco per Provocare”, Superiorità Posizionale e Gestione del Possesso

Nell’articolo di oggi presento un’esercitazione che ho utilizzato con una squadra di Giovanissimi Professionisti e che può essere rivolta a tutte le categorie dell’attivit agonistica, prime squadre comprese.

Si tratta di un Possesso Posizionale che non vuole allenare il mantenimento del possesso fine a se stesso, bensì alcuni Principi e Sotto-Principi relativi alla fase di gestione del possesso. I medesimi Principi, qui allenati in forma “micro”, verranno successivamente trasferiti e allenati in situazioni “macro”.

Principi di Gioco allenati:

  1. sfruttare la superiorità numerica all’interno della prima zona di costruzione
  2. portare fuori in conduzione uno dei due difensori per generare ulteriore superiorità numerica nella zona centrale del campo
  3. scaglionamento e mobilità nella zona centrale del campo
  4. pazienza e gestione per vie orizzontali nella zona centrale del campo
  5. ricerca della profondità
  6. saper alternare una manovra ragionata e paziente ad una più veloce

Giocatori necessari: 9, 4c4+J

Le dimensioni del campo di gioco dipendono dal livello tecnico-tattico degli allievi. Viene però diviso in 6 zone: una di difesa, una di attacco e quattro zone nella zona centrale del campo (zona di sinistra, zona di destra e due metà campo nella zona centrale).

I giocatori sono inizialmente zonati: 2c1 in favore dei difensori in difesa, 1c1+J nella zona centrale e 1c2 in attacco.

In Zona di Costruzione: Obiettivo muovere palla tra i due difensori per portarla fuori in conduzione (non ricercare il dribbling).

Nella Zona di Gestione: situazione di 1c1+J+Difensore che è salito. Obiettivo muovere palla, il più velocemente possibile, su tutte e 4 le zone (trovare un passaggio su ognuna di esse). Possibilità di muoversi liberamente su tutte e 4 le zone. Variante: un difensore avversario può alzarsi a supportare il compagno (3c2).

In Zona d’Attacco: obiettivo trovare un passaggio per l’attaccante in situazione di inferiorità numerica. Il (J) può alzarsi in attacco per favorire l’uscita veloce della palla dalla zona d’attacco.

Tornare velocemente nella zona di costruzione, solo rasoterra, e ricominciare. Se risalendo il campo l’azione richiesta sarà maggiormente manovrata, per tornare in difesa si richiede una circolazione più diretta. In questo modo abitueremo i giocatori ad adattarsi a principi simili ma allo stesso tempo differenti.

In Fase di Transizione Positiva: consolidare velocemente il nuovo possesso giocando in favore dei propri difensori

Credit Immagine: http://www.diez.hn/csp/mediapool/sites/dt.common.streams.StreamServer.cls?

Share.

About Author

Diego Franzoso

Franzoso Diego, nato a Rovigo il 15/04/1983. Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche dell'Attività Motoria Preventiva e Adattata. Allenatore UEFA B e Istruttore CONI-FIGC. Attualmente allenatore dei Giovanissimi Regionali dell'Hellas Verona.

Leave A Reply