“L’Angolo del Preparatore”: Allenamento Condizionale e Sviluppi Offensivi, di Mattia Tessarin

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

“L’Angolo del Preparatore”: Allenamento Condizionale e Sviluppi Offensivi

Nell’articolo di oggi voglio proporvi un’esercitazione rivolta principalmente al mondo degli Adulti. Si tratta di un possesso palla 10 contro 10 svolto in un rettangolo di dimensioni 50×40 metri.

Questa esercitazione può essere utilizzata per allenare sia la resistenza che l’aspetto tecnico tattico. Possiamo svolgere dei possessi palla per un tempo che può variare dai 4 ai 6 minuti di gioco con lo scopo di raggiungere i 4-6-8-10 passaggi consecutivi, ovviamente variabili in base alla categoria in cui vi trovate. Raggiunto il “bonus di passaggi”, la squadra avversaria dovrà terminare il proprio pressing mentre la squadra in possesso acquisisce la possibilità di poter attaccare la porta avversaria per concludere a rete.

Il ritorno nelle posizioni di partenza ad azione finita dovrà essere fatto in allungo per poi riprendere immediatamente a giocare, con il pallone rimesso in gioco dal mister o preparatore.

Dopo 4-6 minuti di gioco, 3 minuti di recupero sono più che sufficienti, per un totale di 3-4 ripetizioni di lavoro magari variando le regole e/o i vari sviluppi di gioco per attaccare la porta.

Si gioca inizialmente con un massimo di 3 tocchi.

VARIANTI

  • Variare il numero di tocchi all’interno del perimetro di gioco
  • Tempo di conclusione a rete dopo avere effettuato i passaggi obbligatori
  • La palla può essere rimessa in gioco dal portiere con richiesta della difesa di abbassarsi per costruire oppure con un semplice rinvio.

 

Credit Immagine: https://sempreinter.com

Share.

About Author

Mattia Tessarin

Tessarin Mattia, nato a Rovigo 24/10/1989. Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche dell’attività Motoria Preventiva e Adattata. Master in Teoria e Tecniche della Preparazione Atletica nel Calcio presso l’Università di Pisa. Preparatore atletico Professionista. Allenatore di Base UEFA B.

Leave A Reply