“L’Angolo del Preparatore”: 6 contro 4+Portiere con Allunghi, di Mattia Tessarin

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

“L’Angolo del Preparatore”: 6 contro 4+Portiere con Allunghi

È sempre bello cercare di creare esercitazioni dove si possono inserire più finalità, ed oggi voglio proporvi una proposta che può essere utilizzata già dal primo giorno della settimana. L’esercitazione vuole coniugare un lavoro tecnico-tattico del mister con un lavoro di tipo aerobico gestito dal preparatore.

Tutta la squadra viene impegnata nell’esercitazione, sfruttando fasi di lavoro attivo a fasi di recupero. Situazione di 6 contro 4 più Portiere; la proposta è stata messa giù ipotizzando di lavorare sul 4.4.2 ma il mister può strutturare l’aspetto tecnico-tattico in base ai propri obiettivi principali.

La richiesta della squadra bianca, schierata con 6 elementi (4 centrocampisti e 2 attaccanti) è quella di attaccare la porta difesa dai 4 giocatori rossi più il portiere, con l’obiettivo di ricercare le indicazioni dell’allenatore.

Una volta terminata l’azione, Gol, palla uscita dalle linee del terreno di gioco o azione conclusa con tiro in porta, i giocatori bianchi eseguono una corsa in allungo nel minor tempo possibile per raggiungere il proprio cinesino giallo. I giocatori rossi dovranno, allo stesso tempo, correre con una corsa in allungo fuori dall’area di rigore; solo in questo caso la fase attiva sarà terminata.

La squadra rossa se entra in possesso del pallone dovrà riuscire a far gol in una delle quattro portine posizionate sulla trequarti avversaria.

La fase attiva non deve superare i 90 secondi. Se questo accade il preparatore interrompe il gioco e immediatamente la squadra si comporterà come descritto in precedenza.

Osservazione: lavorare in questo modo determina una concentrazione da parte dei giocatori sul miglioramento del gesto tecnico e delle situazioni tattiche che si possono riscontrare in gara, ma nello stesso tempo lavorare circa 30 minuti con questa esercitazione implica svolgere diversi allunghi senza palla, utili per il mantenimento della componente condizionale resistenza.

 

Credit Immagine: https://www.telegraph.co.uk

Share.

About Author

Mattia Tessarin

Laureato in Scienze Motorie presso l’Università di Ferrara • Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche dell’attività Motoria Preventiva e Adattata presso l’Università di Ferrara • Master in Teoria e Tecniche della Preparazione Atletica nel Calcio presso l’Università di Pisa • Abilitato FIGC Preparatore Atletico Settore Giovanile • Abilitato FIGC Allenatore di Base UEFA B • Tecnico qualificato “Istruttore di scuola calcio” CONI-FIGC • Docente di Educazione Fisica (supplenza)

Leave A Reply