“L’Angolo del Preparatore”: Possesso Palla con Sviluppi Offensivi, di Mattia Tessarin

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

“L’Angolo del Preparatore”: Possesso Palla con Sviluppi Offensivi

Nell’articolo di oggi voglio proporvi un’esercitazione integrata. È importante riuscire a creare situazioni utili al miglioramento globale del nostro giocatore. Questa proposta la utilizzerei nella seconda o terza seduta della settimana con lo scopo di ottenere benefici sia sotto l’aspetto tecnico-tattico, relativo a degli sviluppi offensivi, sia sotto l’aspetto condizionale, vincolando il gioco a tempo.

Giocatori coinvolti: 13 (12+Portiere).

Dividiamo i giocatori in due squadre schierate col nostro sistema di gioco. In figura, all’interno del rettangolo rosso (situazione di 4 contro 4), ho collocato un centrocampo a rombo, con la squadra rossa che attacca la zona di meta e una squadra bianca che dovrà riuscire a costruire delle situazioni di sviluppo offensivo indicate da mister.

Per rendere l’esercitazione utile al miglioramento della performance è importante gestire il tempo e il recupero della situazione all’interno del rettangolo.

Il gioco inizia nel rettangolo centrale. Le due squadre dovranno contendersi il possesso con l’obiettivo, per la squadra Bianca, di ricercare la verticalizzazione su uno dei due attaccanti posizionati all’esterno del rettangolo e marcati dai due rispettivi avversari.

Viceversa, la squadra Rossa, dovrà riuscire a portare palla nella zona di meta servendosi dell’aiuto dei due difensori centrali posizionati nello spazio a sostegno.

Il gioco si svolge normalmente limitando però i bianchi a rimanere nel perimetro rosso, uscendo solamente quando si dovrà costruire l’azione d’attacco; al contrario i rossi per il mantenimento del possesso potranno muoversi liberamente, con la possibilità di uscire dallo spazio di gioco, giocando da sponda, per poter allargare la manovra e favorire la giocata verso la meta.

Tempi di lavoro: si gioca un possesso di 2’ minuti; dopo di che, al fischio del prof, questi darà il via al possibile sviluppo offensivo. Ovviamente i rossi non si fermeranno ma saranno attivi per difendere la propria porta e, in caso di riconquista, dovranno cercare la conduzione a meta. Proponiamo 4-5 partite, con un totale di lavoro pari a 20’ minuti di fase attiva.

Tempi di recupero: recupero di 1 minuto dopo ogni ripetizione. E macro-recupero dopo il primo blocco di 2’30’’ minuti.

VARIANTI

  • Limitare il numero di tocchi
  • Tempo per concludere l’azione offensiva
  • Inserimento di jolly o sponde esterne
  • Possibilità di mantenere la ripetizione per un tempo di 3’-4’ minuti senza nessun vincolo. I rossi devono difendere la porta e portare palla a meta mentre i bianchi devono sviluppare l’azione offensiva che ha inizio con una giocata al proprio attaccante
  • Possibilità di lavorare con sistemi di gioco differenti
  • Inserimento, ad ogni azione conclusa, di un allungo con inversione di squadra che attacca la porta

 

Credit Immagine: https://www.cagliarinews24.com

Share.

About Author

Mattia Tessarin

Tessarin Mattia, nato a Rovigo 24/10/1989. Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche dell’attività Motoria Preventiva e Adattata. Master in Teoria e Tecniche della Preparazione Atletica nel Calcio presso l’Università di Pisa. Preparatore atletico Professionista. Allenatore di Base UEFA B.

Leave A Reply