Piccoli Amici e Primi Calci: Staffetta Coordinativa

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Piccoli Amici e Primi Calci: Staffetta Coordinativa

Come ormai tutti sappiamo, le abilità tecniche si costruiscono sulle capacità coordinative. Fateci caso, i bambini più bravi tecnicamente solitamente sono anche quelli più coordinati (e viceversa).
Il periodo migliore (fase sensibile) per allenare le capacità coordinative è quello tra i 6 e i 12 anni. Per questo motivo andrebbero dedicati alcuni minuti dell’allenamento al miglioramento di questi aspetti.

Nell’articolo di oggi vediamo una staffetta che ho inserito nella fase di attivazione con un gruppo di Primi Calci e che è rivolta alle categorie Piccoli Amici e Primi Calci.

Formiamo diverse squadre da 3-4 bambini ciascuna. Più le file saranno lunghe e maggiori potranno essere i “problemi“.

Osservazioni: aumentando i tempi morti il bambino è portato a distrarsi, a perdere interesse nell’attività, col forte rischio che finisca per trovare il modo di passare il tempo con qualche dispetto.

Per preparare tutto il necessario, soprattutto si disponesse di molti bambini, è fondamentale arrivare al campo con largo anticipo, in modo da non avere troppi tempi morti all’interno della seduta.

Al via dell’istruttore parte il primo bambino di ogni squadra, con una palla in mano.

Staffetta Coordinativa Piccoli Amici

Dopo un primo tratto di corsa di 5 metri circa, esegue uno slalom con le mani tra quattro coni, spostando la palla con entrambi le mani (alternando dx e sx); all’uscita dallo slalom colloca la palla sopra ad un cono blu (si utilizzano coni col foro largo).

Depositata la palla, si striscia sotto ad una panchina (o ad un ostacolo) per poi saltare due piccoli ostacolini in successione. Possiamo effettuare un appoggio per spazio oppure richiedere due saltelli a piedi uniti o due saltelli mono-podalici

Superati gli ostacolini si aggira di corsa il cono verde e si ritorna indietro senza effettuare nessun’altro esercizio. Arrivati al cono dove abbiamo depositato la palla, la si recupera con le mani e la si porta al prossimo compagno in fila

Ottiene un punto la squadra che termina per prima e correttamente il percorso.

Gli schemi motori e le capacità coordinative interessate sono:

  • Correre
  • Saltare
  • Equilibrio dinamico
  • Strisciare
  • Controllo motorio
  • Coordinazione manuale

 

Share.

About Author

Diego Franzoso

Franzoso Diego, nato a Rovigo il 15/04/1983. Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche dell'Attività Motoria Preventiva e Adattata. Allenatore UEFA B e Istruttore CONI-FIGC. Attualmente allenatore dei Giovanissimi Regionali dell'Hellas Verona.

Leave A Reply