Seduta completa per Primi Calci – Obiettivo Guida della palla

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Seduta completa per Primi Calci – Obiettivo Guida della palla

Nell’articolo di oggi vediamo aggiornato un articolo pubblicato per la prima volta su Ideacalcio nel Settembre 2013 e da oggi riservato agli utenti Premium.

Si tratta di un’intera seduta (sviluppata lunedì 2 settembre 2013 con l’annata 2006) svolta con la categoria Primi Calci, il cui obiettivo dominante è la Guida della Palla.

L’allenamento ha inizio con un’attività ludica che ci permette di inserire, fin dai primi minuti, l’obiettivo tecnico della guida della palla combinandole con alcune capacità coordinative e schemi motori di base.

Il gioco è Svuota il Cerchio“.

Si formano due squadre e si predispongono due percorsi identici davanti ad ogni squadra, così composti:

  • un ostacolino da saltare
  • tre coni per una corsa in slalom
  • un altro ostacolino da saltare

Seduta Primi Calci Guida e Cambi di direzione

Al via dell’istruttore, il primo bambino di ogni squadra esegue il percorso davanti a lui e al termine recupera coi piedi un pallone dal proprio cerchio per poi condurlo in diagonale verso il cerchio della squadra avversaria. Depositato il pallone corre alla propria fila per dare il cinque al compagno successivo che esegue il medesimo esercizio.

L’obiettivo è quello di svuotare il proprio cerchio dai palloni per portarli in quello della squadra avversaria; allo stesso modo farà la squadra avversaria.
Il gioco può terminare a tempo (vince chi al termine dei 5′ ha meno palloni nel proprio cerchio) o quando una squadra ha svuotato completamente, anche solo per 1″, il proprio cerchio

Seconda Proposta: guida della palla e cambi di direzione con la modalità della staffetta

Si formano più gruppi di lavoro, con 3-4 bambini (meglio 3) per stazione. Ogni squadra si divide in due fila distanti circa 8-10 metri; a metà tragitto si posizionano due coni distanti 2 metri l’uno dall’altro.

Seduta Primi Calci Guida e Cambi di direzione(2)

Al via dell’istruttore, il primo giocatore in possesso del pallone dovrà condurlo al compagno opposto, eseguendo alcuni possibili esercizi sui due coni.

Abbiamo diverse varianti, potendo cambiare la modalità al termine di ogni giro:

  • slalom tra i coni
  • disegnare un cerchio tra i coni, passando attorno al secondo e poi attorno al primo (si disegna un cerchio, non si passa in mezzo ai coni)
  • disegnare un “8” tra i coni
  • cambio di direzione con la suola prima sul secondo cono (180°) e poi sul primo (si ritorna quindi nella direzione originale)
  • stessa cosa del precedente ma cambio di direzione con l’interno
  • stessa cosa ma con l’esterno

Portata palla al compagno di fronte, questo esegue il medesimo esercizio portandola a sua volta al compagno opposto. Ottiene 1 punto la squadra che ritorna per prima nelle posizioni di partenza (l’esercizio andrà eseguito due volte ciascuno, andata e ritorno per tutti).

Terza Proposta: competizione a squadre – Guida della Palla per il Passaggio-Tiro

L’esercizio è un’evoluzione del precedente. Trasformiamo la staffetta in una competizione a squadre dove gli obiettivi sono quelli della guida della palla e del passaggio-tiro di precisione. L’esercizio assume una valenza leggermente più situazionale (anche se non vi è la presenza di avversari – definizione quindi volutamente forzata), abbinandola al passaggio di precisione.

Seduta Primi Calci Guida e Cambi di direzione(3)

Formiamo diverse squadre, a seconda di quanti sono i bambini.
Utilizzando sempre i due coni (come nell’esercitazione precedente) chiediamo agli allievi di eseguire vari esercizi (entra ed esci, cerchio, 8, cambi di direzione) dopo una conduzione in linea. L’esercizio si conclude calciando in una porticina (di dimensioni variabili) collocata a 8-10 metri di distanza.

Osservazione: la “distanza dalla porticina ai coni è importante“. Questa non dev’essere troppo ridotta – il compito risulterebbe troppo facile e quindi scarsamente stimolante per gli allievi – ma nemmeno eccessiva, in quanto verrebbe meno il senso di gioia nel segnare un “gol”. Starà all’istruttore valutare le capacità dei bambini e trovare la corretta distanza.

Il compagno successivo inizia l’esercizio quando il precedente calcia nella porticina. Dopo il tiro si recupera la palla e si torna in fila. “Più veloci saremo nella conduzione (eseguita però correttamente) e più tiri potremmo fare”. Vince la squadra che realizza più gol

Ogni 2-3′ possiamo cambiare l’esercizio tra i coni. Vince la squadra che al termine del gioco ha segnato più gol.

Quarta Proposta: situazione di 1 contro 1 per il gol

A questo punto passiamo ad un’esercitazione situazionale. La guida della palla e il passaggio vengono inserite in una proposta finalizzata ad allenare l’1 contro 1.

Attaccanti Blu in possesso di palla a circa 15 metri dalla linea di fondo, dove sono collocate due porticine per il gol; tra di esse vi è la fila di difensori.

Seduta Primi Calci Guida e Cambi di direzione(4)

L’esercizio ha inizio con la conduzione dell’attaccante per raggiungere i due coni, dove esegue una delle modalità richieste dall’istruttore (le stesse provate in precedenza). All’uscita gioca palla sull’istruttore che la restituisce a muro.

Osservazione: sostituiamo l’allenatore con un bambino.

Sul passaggio dell’attaccante all’istruttore, entra in campo il difensore per contrastarlo. Il primo cerca di segnare in una delle due porticine mentre il secondo, se recupera palla, la dovrà trasmettere al tecnico. Cambio ruoli al termine di ogni azione.

Osservazioni: tutti devono provare entrambi i ruoli. Consiglio di cambiarli al termine di ogni per fare in modo che il bambino possa passare velocemente dal ruolo di attaccante a quello di difensore (e viceversa), dovendo adattarsi continuamente.

Attenzione alle fila. Sarebbe ottimale non avere più di 8 bambini per campo. Con più bambini dobbiamo pensare di dividerli su due campi di gioco, magari avendo a disposizione un secondo istruttore.

Quinta Proposta

Partita libera: nemmeno a dirlo che è l’esercizio che i bambini aspettano di più !!!

 

 

Share.

About Author

Diego Franzoso

Franzoso Diego, nato a Rovigo il 15/04/1983. Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche dell'Attività Motoria Preventiva e Adattata. Allenatore UEFA B e Istruttore CONI-FIGC. Attualmente allenatore dei Giovanissimi Regionali Élite dell'AC Este

15 commenti

  1. Avatar
    Giancarlo Pecorari on

    Salve, volevo porti una semplice e banale domanda. Secondo te un allenamento per i Piccoli Amici è sufficiente farlo per un’ora? sono del parere che 1 h 30 minuti siano troppi soprattutto contando i loro cali di attenzione nei singoli esercizi. Premetto che è la mia prima esperienza ma preferirei lavorare un’ora piena con i bambini diminuendo semmai il numero di esercitazioni ma promuovendo la loro miglior riuscita, intervallati da 2-3 minuti di pausa nel momento in cui la concentrazione dei bambini cala.
    fatemi sapere cosa ne pensate, grazie!

    • Avatar

      Io non sono d’accordo. O meglio, se parliamo di 1 ora, per 4 volte a settimana, ok. Ma se parliamo di 1 ora, per 2 volte alla settimana, non puoi fare 2 ore di attività in una settimana. Parti dal presupposto che se non si muovono quando vengono a calcio, questi stan fermi per tutto il tempo.

      Io gli ultimi due anni lavoravo 1 ora e 45′, con pause che tendevano allo zero. Calcola che in un ora effettiva, se sei bravo riesci a fare al massimo 40′ di attività secondo me.

      Il problema non è l’attenzione limitata dei bambini, ma riuscire a trovare esercitazioni dinamiche e coinvolgenti. In questo modo il problema dell’attenzione non si pone. L’attenzione è piuttosto messa a rischio dal lavoro analitico, dalla ripetitività del gesto, dalla monotonia, dai tempi morti, ecc.

  2. Avatar

    Vuoi insegnare tuo figlio a palleggiare. … guarda che non è facile non sono capaci molti giocatori della serie A. Comunque ha ragione Diego di portarlo in una scuola calcio seria con istruttori preparati e sopratutto educatori. .ma io un consiglio te lo darei intanto fai fare a tuo figlio il cosiddetto muro e ottimo e non ti rimprovera mai dopo comincia con un pallone n tre buttalo a terra e fallo rimbalzare un rimbalzo a terra e un colpo di collo piede prima tutto dx poi solo sx dopo alterni un rimbalzo a terra e un colpo di collo piede dx e la volta successiva un colpo di sx e così via—–puoi alternare metti un po di fantasia un imballo a terra e poi due tocchi con i piedi—la stessa puoi fare con la coscia….

  3. Avatar

    Ciao Diego, sono alla mia prima esperienza da istruttore piccoli amici e vorrei chiederti se ci fosse qualche corso base da poter seguire per iniziare al meglio questa bella esperienza.
    Grazie

    • Diego Franzoso
      Diego Franzoso on

      Ciao Valerio, il mio suggerimento è quello di seguire il sito del settore tecnico alla sezione corsi. Li trovi ogni mese tutti i corsi indetti dalla figc nella tua regione. Per iniziare potresti iniziare con l’Uefa E o addirittura con l’Uefa C

Leave A Reply