Allenare lo smarcamento: muoversi alle spalle del difendente e smarcamento in appoggio

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Allenare lo smarcamento: muoversi alle spalle del difendente e smarcamento in appoggio

Nell’articolo di oggi vediamo un’esercitazione ideata per una squadra di Pulcini e rivolta esclusivamente all’attività di base. Attenzione, con la categoria Esordienti, a seconda delle capacità degli allievi, valuterei attentamente un suo utilizzo; con alcuni gruppi particolarmente pronti potrebbe esserci il rischio che sia un po’ troppo facile risolvere la situazione.

L’obiettivo della proposta è quello di allenare lo smarcamento attraverso una semplice situazione di gioco che favorirà l’emergenza di due comportamenti tattici individuali:

  • il muoversi alle spalle del difendente (in zona luce comunque)
  • e lo smarcamento in appoggio (muovendosi in avvicinamento al portatore su una linea di passaggio che precedentemente non era raggiungibile)

L’esercitazione può essere magari inserita nella fase di attivazione, utile per consolidare dei comportamenti un “po’ fragili” o poco conosciuti. Grazie alla semplice struttura della proposta, alle regole di provocazione e al ridotto numero di giocatori, i giocatori avranno l’opportunità di sperimentare i comportamenti ricercati un elevato numero di volte. Naturalmente, manco a dirlo, i medesimi obiettivi andranno successivamente osservati in esercitazioni a maggior complessità.

Numero ottimale di giocatori per campo: 5. Io ne avevo 10 e l’ho quindi sviluppata su due campi adiacenti.

Il campo di gioco viene diviso orizzontalmente in tre zone, con quella centrale di circa 5 metri. Un giocatore blu inizia come difensore nel mezzo. Due giocatori si posizionano alle due estremità con un solo pallone.

Il giocatore (1), in possesso del pallone, deve riuscire a trasmetterlo rasoterra al primo compagno (2) posizionato nel settore opposto e alle spalle del difensore che si muove solamente nella striscia centrale.

In caso di successo la situazione prosegue ma con l’inversione dei compiti, con (1) che torna immediatamente in fila e lascia il posto al compagno della stessa. Qualora (1) non sia nelle condizioni di trasmettere palla alla fila opposta, potrà giocare palla al compagno della stessa fila che a questo punto è obbligato a verticalizzare (massimo un passaggio tra giocatori della stessa fila).

L’obiettivo del difensore è quello di intercettare il passaggio e segnare in una delle due porticine, contrastato dall’attaccante della rispettiva zona. In caso di intercetto si cambia il difensore.

Osservazione: tra i comportamenti emergenti abbiamo l’intercetto per il difendente.

VARIANTI

  • possibilità per l’attaccante alle spalle di muoversi a ricevere nella zona centrale (da questo momento si favorisce l’emergenza dello smarcamento in appoggio)
  • possibilità per il difensore di difendere nella zona più lontana dalla palla (si favorisce ancor di più l’emergenza dello smarcamento in appoggio)
  • possibilità per il difensore di attaccare il portatore di palla davanti a lui

VIDEO VISIBILE PER I SOLI ABBONATI SILVER E GOLD

 

Photo by Syed Ali on Unsplash

Share.

About Author

Diego Franzoso

Franzoso Diego, nato a Rovigo il 15/04/1983. Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche dell'Attività Motoria Preventiva e Adattata. Allenatore UEFA B e Istruttore CONI-FIGC. Attualmente allenatore dei Giovanissimi Regionali Élite dell'AC Este

Leave A Reply