Attività di Base: Rapidità e Frequenza negli Appoggi, Condurre per conquistare velocemente campo

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Attività di Base: Rapidità e Frequenza negli Appoggi, Condurre per conquistare velocemente campo

Nell’articolo di oggi vediamo aggiornata una proposta pubblicata per la prima volta su Ideacalcio nel 2013.
Si tratta di un’esercitazione integrata che avevo ideato per un gruppo di Pulcini e rivolta alle categorie dell’attività di base.

L’obiettivo è quello di allenare, all’interno della stessa proposta, le diverse strutture del giocatore: in questo caso specifico integreremo le componenti coordinative con quelle tattiche.

Si formano due file o due squadre, a seconda che si voglia impostare la proposta sotto forma di competizione a squadre o meno.
Al via dell’istruttore i primi due allievi delle due rispettive squadre effettuano il seguente esercizio coordinativo:

  • slalom tra tre coni richiedendo un’elevata frequenza negli appoggi, passi corti e rapidi;
  • appoggi nei quattro cerchi (2 gialli e 2 rossi), con la modalità: 2 appoggi nel rosso, 1 appoggio nel giallo

VARIANTI: 2 nel giallo, 1 nel rosso; oppure possiamo lavorare con dei saltelli mono o bi-podalici

All’uscita dall’ultimo cerchio, sprint di 5 metri per aggirare il cono rosso.
A questo punto l’allenatore gioca palla indifferentemente su uno dei due allievi e avrà inizio l’1 contro 1.

Es. Tecnico Motoria Rapidità Appoggi 1v1 per la conquista dello spazio

L’obiettivo per l’attaccante è quello di dribblare il difensore e oltrepassare la linea immaginaria formata dai due coni blu.
Il difensore avanza velocemente per togliere tempo e spazio all’attaccante. Il difensore non potrà più difendere una volta che l’attaccante avrà superato la linea dei due coni.

Incentivare l’attaccante affinché utilizzi finte e dribbling per superare il difensore. Quest’ultimo dovrà invece “avanzare” velocemente per poi arrestarsi alla corretta distanza dall’attaccante.

Il fatto che l’istruttore possa giocare palla indistintamente su uno dei due giocatori, ci permette di lavorare anche sulla capacità di reazione motoria, non sapendo fino all’ultimo momento chi tra i due giocatori sarà l’attaccante e chi il difensore.

Varianti

  • E’ possibile inserire due porticine sulle due linee di fondo campo. L’attaccante, una volta superato il difensore e oltrepassata la linea dei coni dovrà calciare nella porticina.
  • Ancor più bello e stimolante è posizionare due porte difese dal portiere. Superata la linea dei coni si calcia immediatamente in porta o si va all’ 1 contro 1 col portiere, col difensore che non può più intervenire (o può intervenire, a seconda delle varianti)

 

 

Foto: http://soccertraining.vhx.tv/

Share.

About Author

Diego Franzoso

Franzoso Diego, nato a Rovigo il 15/04/1983. Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche dell'Attività Motoria Preventiva e Adattata. Allenatore UEFA B e Istruttore CONI-FIGC. Attualmente allenatore dei Giovanissimi Regionali dell'Hellas Verona.

Leave A Reply