Esercitazione Integrata: Reazione Motoria, Contrasto e 1 contro 1

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Esercitazione Integrata: Reazione Motoria, Contrasto e 1 contro 1

Nell’articolo di oggi ripropongo aggiornata una proposta pubblicata per la prima volta su Ideacalcio nel Marzo 2012.

Si tratta di un’esercitazione integrata che avevo ideato e portato sul campo, a suo tempo, con una squadra di Pulcini e quindi rivolta alle categorie dell’attività di base.

Per le dimensioni del campo di gioco facciamo riferimento indicativamente ad un 18×18 ( si può comunque ingrandire o rimpicciolire lo spazio di gioco a seconda del livello tecnico dei ragazzi)

Formiamo due squadre e posizioniamo due porte per squadra sui lati; la squadra Rossa attacca le rosse mentre quella Blu le bianche.

Es.-Tecnico-Motoria-Reazione-motoria-contrasto-1v1

Al via dell’istruttore questi indica un colore (comando vocale o visivo: alzando una casacca colorata ad esempio) corrispondente ad uno dei due coni posizionati in prossimità delle rispettive partenze.

I due giocatori eseguono un giro completo sul cono designato prima di contendersi la palla nel mezzo; la ridotta distanza e l’esercizio molto breve e semplice, dovrebbero portare i due giocatori ad arrivare il più delle volte simultaneamente sulla palla.

A questo punto si gioca per il gol in una delle due porticine dell’avversario.

L’esercitazione l’ho ideata per stimolare il contrasto nel mezzo, la contesa di una seconda palla (palla di “nessuno”). Se per qualche ragione gli allievi non arrivano mai simultaneamente, modificare la proposta affinché questa situazione accada con maggior frequenza.

VARIANTI

  • variare le modalità di chiamata sui coni (con numeri o più fischi);
  • ci si dirige verso il cono opposto a quello indicato;

OSSERVAZIONI

Variando gli stimoli di partenza, lavoriamo sui diversi canali percettivi, soprattutto visivo e uditivo.

E’ mia consuetudine proporre in diverse esercitazioni integrate il contrasto, in quanto è uno degli strumenti migliori per stimolare l’aggressività.

FOCUS 

  • reazione motoria ad uno stimolo percettivo;
  • contesa di una seconda palla;
  • contrasto;
  • 1 contro 1;

Credit Immagine: https://www.gazzetta.it/

Share.

About Author

Diego Franzoso

Franzoso Diego, nato a Rovigo il 15/04/1983. Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche dell'Attività Motoria Preventiva e Adattata. Allenatore UEFA B e Istruttore CONI-FIGC. Attualmente allenatore dei Giovanissimi Regionali dell'Hellas Verona.

6 commenti

  1. Avatar
    alessandro de stefano on

    Ciao Diego , Sono Alessandro e scrivo dalla provincia di Varese. sono anch’io istruttore scuola calcio.Vorrei proporre una variante. Metterei delle aste al posto dei coni(che simulano avversario)e farei fare una finta di corpo. Poi direi che la palla al centro va conquistata come il gioco bandiera (il primo che la prende fa l’attaccante) quindi sono obbligati a sfidarsi a duello facendo delle finte. So che così vado ad eliminare il contrasto, ma inserisco la finta e il dribbling. Che ne dici?Grazie

    • Diego Franzoso

      se ti dicessi che nella versione che ho utilizzato c’erano i paletti mi crederesti? 🙂 purtroppo il programma che uso attualmente è bello ma non ha i paletti (incredibile) e quindi li ho sostituiti coi coni 😉
      Buona invece l’idea della finta di corpo. Sulla palla nel mezzo io ho inserito la ricerca del contrasto perchè mi interessava quello (per poi cmq andare all’1v1) ma nulla vieta di inserire altre soluzioni. Le mie sono solo idee che spero possano servire anche ad altri 😉

  2. Avatar
    massimomarnicco@gmail.com on

    Ciao Diego,
    su una proposta del genere ci potrebbe stare, invece del giro completo del cono, un “mini” percorso per raggiungere la palla al centro. Potrebbe essere: 1) capovolta-cambio di direzione sul cono (blu o rosso a seconda della chiamata) -palla; 2) capovolta-cambio di direzione sul cono (blu o rosso a seconda della chiamata)-salita e discesa dalla panca- palla. Oppure altre soluzioni in qualche modo “polifunzionali” prima del duello.
    Ritieni essere troppo complicato?
    Grazie!

    • Diego Franzoso
      Diego Franzoso on

      Ciao Massimo, perché no ??
      Ci può stare. E’ chiaro che dipende molto anche dall’obiettivo che vuoi avere. Più “lungo” e complesso sarà il percorso, meno attenzione verrà dedicata al resto.
      Secondo me l’allenatore deve decidere su cosa concentrarsi maggiormente in questi casi (proposte integrate)

Leave A Reply