Staffetta Tecnico-Coordinativa. Obiettivo Guida della palla

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Staffetta Tecnico-Coordinativa. Obiettivo Guida della Palla

Nell’articolo di oggi vediamo un’esercitazione rivolta a tutte le categorie dell’attività di base (Primi Calci, Pulcini ed Esordienti) e che personalmente avevo inserito nella fase di attivazione, per iniziare la seduta in modo divertente (difficilmente le staffette non lo sono), grazie alla componente ludica e di sfida della proposta.

Si tratta di un esercizio sotto forma di staffetta a squadre, che vuole coniugare gli obiettivi coordinativi con l’obiettivo tecnico della guida della palla.

Si dividono i giocatori in due o più squadre (a seconda del numero di presenti), disponendo 3-4 bambini per squadra, ognuno in possesso di palla.

Primi Calci Staffetta Tecnico Coordinativa

Al via dell’istruttore il primo giocatore comincia l’esercizio in conduzione effettuando una guida della palla in linea (circa 5 metri) e un successivo slalom tra tre coni (distanti circa 2 metri l’uno dall’altro).

Osservazione: i coni non vengono posizionati in piedi ma sono rovesciati a terra, vedremo poi il perché. In pratica gli allievi effettueranno la guida della palla tra degli ostacoli a terra.

Terminato lo slalom dovranno effettuare un giro completo in conduzione attorno al cono blu (questa volta in piedi) per poi fermare la palla (utilizzando solo i piedi – coi più piccoli è bene ricordarlo) all’interno del cerchio.

Si torna poi indietro effettuando un altro giro attorno al birillo (questa volta senza palla) e saltando in successione i tre coni a terra. Si termina dando il cinque al compagno in fila che parte eseguendo lo stesso percorso.

L’obiettivo è quello di portare i propri palloni nel cerchio. Vince la squadra che termina per prima il gioco.

VARIANTI

  • Effettuare dei saltelli a piedi uniti tra i coni
  • Effettuare dei balzi a rana
  • Effettuare una corsa a slalom
  • Varie modalità per aggirare il cono
  • Portati tutti i palloni nel cerchio, vince la squadra che li raccoglie per prima. All’andata si esegue il percorso senza la palla, al ritorno con la sfera tra i piedi

 

 

Share.

About Author

Diego Franzoso

Franzoso Diego, nato a Rovigo il 15/04/1983. Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche dell'Attività Motoria Preventiva e Adattata. Allenatore UEFA B e Istruttore CONI-FIGC. Attualmente allenatore dei Giovanissimi Regionali Élite dell'AC Este

1 commento

Leave A Reply