Attività di Base: dominio, dribbling e tiro in porta

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Attività di Base: Alleniamo il Dominio, il Dribbling e il Tiro in porta

Nell’articolo di oggi vediamo la rivisitazione di una proposta pubblicata per la prima volta su Ideacalcio nel 2015. Si tratta di un esercizio analitico che avevo utilizzato con un gruppo di Pulcini e rivolto alle categorie dell’attività di base.

Nel rivederlo a distanza di anni, non è quel genere di proposte che oggi utilizzerei all’interno delle mie sedute d’allenamento; esercizio valido per un lavoro individuale o a piccoli numeri.

Un pallone per ogni allievo. Il giocatore Rosso comincia l’esercizio eseguendo una guida della palla con la modalità suola laterale tra due aste posizionate a terra orizzontalmente; alternando sinistro e poi destro.

Scuola Calcio Dominio Dribbling e Tiro

All’uscita dalle aste l’allievo esegue un dribbling a piacere sulla sagoma.

Superata la sagoma il giocatore entra in un quadrato 6×6 dove al suo interno sono posizionati diversi coni in ordine sparso. La consegna nel quadrato è quella di eseguire il maggior numero di tocchi, avendo sempre la palla vicinissima ai piedi e di non toccare nessun cono.

Si esce dal quadrato attraversando la porticina e si affrontano due sagome disposte una frontale e una laterale (quest’ultima è formata da due paletti messi a capanna). Finta di calciare e tunnel su quella laterale per poi concludere (col sinistro in figura) nella porta difesa dal portiere.

A metà esercizio spostare la sagoma laterale a destra, concludendo col destro.

VARIANTI

  • Chi tira poi va in porta e parte un giocatore dell’altra squadra (competizione a squadre)
  • Con più di 7 allievi svilupperei la proposta su due stazioni
  • Un’altra possibilità per ridurre i tempi morti può essere quella di collocare un percorso motorio da eseguire per ritornare in fila. Ecco allora che chi tira può andare in porta e il portiere torna in fila eseguendo una parte coordinativa
  • Possiamo togliere la sagoma posizionata dopo le due aste
  • Possiamo sostituire le due aste iniziali con due coni su cui eseguire alcune gestualità del Coerver Coaching, come ad esempio “richiamo a v: ad aprire, a chiudere, dietro la gamba d’appoggio, ecc..
  • Aumentare o diminuire la distanza dall’ultima sagoma alla porta

Osservazioni: gli obiettivi dell’esercizio sono prettamente tecnici e riguardano

  • ball mastery (dominio a terra)
  • finte e cambi di direzione
  • il tiro in porta

 

 

Credit Immagine: https://soccercampsinternational.com

Share.

About Author

Diego Franzoso

Franzoso Diego, nato a Rovigo il 15/04/1983. Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche dell'Attività Motoria Preventiva e Adattata. Allenatore UEFA B e Istruttore CONI-FIGC. Attualmente allenatore dei Giovanissimi Regionali dell'Hellas Verona.

Leave A Reply