Seduta completa per la categoria Pulcini – Obiettivo guida della palla

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Seduta completa per la categoria Pulcini – Obiettivo guida della palla

Nell’articolo di oggi vediamo un’intera seduta d’allenamento svolta con la categoria Pulcini. Le quattro proposte possono inoltre essere rivolte anche alla categoria Primi Calci.

Il focus di tutta la seduta è stato incentrato sulla guida della palla, inserendo alcuni sotto-obiettivi quali le transizioni ad esempio, legate in particolare alla capacità di reazione motoria.

La sessione d’allenamento è comporta da un gioco iniziale, una staffetta tecnica e da due situazioni di gioco, con la seconda maggiormente specifica.

Per tutta la seduta d’allenamento, le dimensioni degli spazi di gioco e la durata di ogni singola proposta dipendono come sempre da numerosi fattori, quale soprattutto le capacità del proprio gruppo.

Gioco: Le saette

Gioco a confronto tra due squadre. Minimo 2 giocatori massimo 3 per squadra.

Al via, il primo giocatore delle due squadre parte con un testimone in mano (una casacca, una pallina da tennis, ecc.) superando liberamente il primo ostacolino.

Due saltelli mono-podalici nei cerchi e superamento del secondo ostacolino. Si corre a recuperare un pallone dal cerchio avversario per poi portarlo in conduzione al nostro cerchio, effettuando uno slalom tra i tre paletti nel mezzo.

Osservazione: lo slalom è comune ad entrambi i giocatori. Questi, nel caso arrivino più o meno insieme, dovranno prestare attenzione a non scontrarsi. Guida della palla condizionata dalla presenza dell’avversario (modulare la frequenza dei tocchi e la velocità della conduzione).

Consegnato il testimone al compagno successivo, questi parte a sua volta per il medesimo obiettivo. Vince la squadra che riesce per prima ad avere tre palloni nel proprio cerchio. Se i palloni vengono fermati fuori dal cerchio, questi non vengono conteggiati.

Staffetta tecnica in regime di velocità: guida della palla

Si formano due o più squadre, massimo 3 giocatori per ciascuna.

Al via, il primo giocatore di ogni squadra, in possesso di un testimone, supera l’ostacolino e recupera il pallone dal proprio cerchio. Conduzione con “8” tra i due paletti e conduzione per aggirare il proprio cono.

A questo punto si riporta la palla nel cerchio dopo aver attraversato il cancello formato dai due paletti. Fermata la palla nel cerchio si consegna il testimone al giocatore successivo che parte a sua volta.

Vince la squadra che termina per prima l’esercizio.

Situazione di 1 contro 1 con transizioni

Formare due squadre e schierarle sui vertici opposti a circa 3 metri da un quadrato 12×12 circa. Un giocatore blu inizia in difesa al centro del quadrato.

Il primo giocatore rosso entra in conduzione nel quadrato con l’obiettivo di affrontare l’avversario e condurre palla in uno dei due lati alle spalle di blu, attraversando lo spazio tra i due coni della squadra avversaria.

Osservazione: si noti come i coni non siano posizionati sui vertici. Questo in parte per avvantaggiare chi difende – stringendo lo spazio a disposizione per l’attaccante – e incentivando una maggior ricerca dei cambi di direzione per superare l’avversario.

Se il difensore recupera palla cerca a sua volta di condurre palla a meta nei lati dell’avversario.

Al termine dell’azione (punto o palla che esce dal quadrato) rosso difende contro un nuovo blu che entra in conduzione. Chi difende lo può fare solamente all’interno del quadrato.

Seppur sia una situazione aspecifica (non è contestualizzata a zone di campo, non c’è direzionalità, ecc.) la proposta può essere utile per stimolare finte, dribbling e cambi di direzione. Inoltre, per la modalità attacco-difendo, elevata sollecitazione per le transizioni, quel passaggio veloce dalla fase di possesso a non possesso – e viceversa – molto velocemente.

Situazione di 1 contro 1 con transizioni e tiro in porta

Formare due squadre, divise su entrambi i lati della propria porta. Un giocatore blu inizia in difesa al centro del campo, diviso orizzontalmente in due metà.

Il primo giocatore della fila numero uno rossa entra in campo in conduzione per affrontare l’avversario e concludere a rete, solo dopo aver attraversato la linea di metà campo.

Se il difensore recupera palla cerca il gol a sua volta; nel caso riconquisti palla nella metà campo offensiva e segni, questo vale due punti. Al termine dell’azione, rosso difende contro il primo giocatore della fila numero uno blu che entra in campo in conduzione.

Nel caso entri in campo la fila sbagliata (doveva entrare la due e invece entra la uno), la squadra perde un punto. Vince la squadra che realizza più gol.

Si possono assegnare punti bonus per specifiche soluzioni, come ad esempio 1 punto per forbice, doppia forbice o tunnel. La “bicicletta/lambretta” azzera i punti della squadra avversaria.

Osservazione: quest’ultima proposta, sicuramente più specifica della precedente, seppur coi medesimi obiettivi, ne introduce altri due: la conclusione in porta e la riconquista del pallone il più vicino possibile alla porta avversaria.

 

Photo by Baylee Gramling on Unsplash

Share.

About Author

Diego Franzoso

Franzoso Diego, nato a Rovigo il 15/04/1983. Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche dell'Attività Motoria Preventiva e Adattata. Allenatore UEFA B e Istruttore CONI-FIGC. Attualmente allenatore dei Giovanissimi Regionali Élite dell'AC Este

Leave A Reply