Attività di Base: 1 contro 1 con elementi Coordinativi

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Attività di Base: 1 contro 1 con elementi Coordinativi

Nell’articolo di oggi vediamo un’esercitazione rivolta alle categorie dell’attività di base e che personalmente avevo portato sul campo con una squadra di Primi Calci.

Si tratta di una proposta integrata, che coniuga elementi tecnici, tattici e coordinativi.

I giocatori si posizionano su due fila, difensori e attaccanti, invertendosi dopo ogni ripetizione. Al via dell’istruttore i primi due giocatori, Giallo attaccante e Bianco difensore, si sfideranno in una situazione di 1 contro 1. L’esercitazione comincia con Giallo in possesso del pallone mentre Bianco senza.

Situaz. di gioco 1v1 con parte coordinativa

Giallo conduce palla in slalom tra quattro coni prima di aggirare un cono in posizione centrale. Il difensore esegue invece degli appoggi tra quattro over prima di aggirare il cono posto davanti a lui.

A questo punto i due giocatori si sfidano, con l’attaccante che cerca di segnare nella porta difesa dal portiere (2 punti) o di portare palla a meta in una delle due porticine laterali (1 punto).

Se il difensore recupera palla abbiamo diverse possibilità:

  • l’azione finisce
  • dovrà segnare in una o più porticine posizionate sparse sul campo
  • dovrà condurre palla fuori dal campo di gioco

Gli appoggi tra gli ostacolini condizionano il tempo a disposizione per l’attaccante: più gli appoggi saranno complessi, più l’attaccante avrà tempo e spazio per avanzare.

Alcuni esempi: 1 appoggio, 2 appoggi, 3 appoggi, saltelli mono o bi-podalici, scivolamento frontale o dorsale, ecc.

 

FOCUS TECNICO

  • guida della palla

FOCUS FISICO

  • coordinazione generale
  • equilibrio
  • coordinazione arti superiori-inferiori
  • precisione negli appoggi

FOCUS TATTICO

  • risolvere la situazione di 1 contro 1
Share.

About Author

Diego Franzoso

Franzoso Diego, nato a Rovigo il 15/04/1983. Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche dell'Attività Motoria Preventiva e Adattata. Allenatore UEFA B e Istruttore CONI-FIGC. Attualmente allenatore dei Giovanissimi Regionali dell'Hellas Verona.

5 commenti

      • Avatar

        Provato stasera, direi tutto bene, soprattutto per il fatto di poter “calibrare” il tempo a disposizione dell’attaccante mediante complicazione o semplificazione del lavoro del difensore. Ho notato però una tendenza da parte degli attaccanti a “cercare” quasi unicamente il gol nella porta, “dimenticandosi” della possibilità di portare palla a meta in una delle 2 porticine laterali. Non me lo spiego…

        • Diego Franzoso

          Pensa Luciano che io l’avevo previsto ancor prima di proporla 🙂
          Mettiti nei loro panni..quanto più bello è FARE GOL in una porta grande, difesa da un portiere piuttosto che fare gol in 2 misere porticine laterali?? Ecco la risposta 😉

Leave A Reply