Stimolare le Capacità Percettive: Controllo Orientato e duello 1 contro 1

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Stimolare le Capacità Percettive: Controllo Orientato e duello 1 contro 1

Nell’articolo di oggi rivediamo aggiornato un articolo pubblicato per la prima volta su Ideacalcio nel 2012. L’esercitazione è un “classico“, in quanto molto conosciuta e di grande semplicità; può essere rivolto prevalentemente alle categorie dell’Attività di Base o anche con quella Giovanissimi. Nell’esercizio “base” ho voluto inserire un lavoro sullo sviluppo del canale visivo, utile a migliorare la visione periferica.

Si costruisce un quadrato di dimensioni variabili (a seconda del livello tecnico-tattico e dell’età degli allievi). Coi Pulcini all’ultimo anno ho lavorato su un 8×8.

I giocatori Bianchi sono i difensori e cominciano in possesso di palla su un vertice del quadrato. Sul vertice opposto sono posizionati gli attaccanti Gialli.

Sviluppo della visione periferica migliorando il controllo orientato e l'1v1

Il primo difensore trasmette palla al primo attaccante che dovrà, prima del controllo, indicare a voce alta il numero indicato con le mani dall’istruttore. Di fatti, quest’ultimo, nel momento del passaggio di Bianco, indicherà un numero da 1 a 5. (variante: possibilità di usare anche due mani)

L’attaccante, ricevuta palla e indicato il numero ad alta voce, dovrà portare palla a meta in una delle due zone gialle, col difensore che, immediatamente dopo il passaggio, ruba tempo e spazio all’attaccante per ostacolarne l’azione.

Se il difensore recupera palla i ruoli si invertono e questi dovrà condurre palla in uno degli altri due lati (lati rosa).

Dopo ogni azione si invertono i ruoli dei due giocatori.
Il numero potrebbe anche essere indicato dal giocatore che effettua il passaggio, a patto che via sia una buona attenzione generale. Molte volte infatti mi è capitato di vedere bambini che si dimenticano di alzare la mano o che la alzano in anticipo o in ritardo.

La variante interessante è quella che vede l’istruttore variare spesso la sua posizione, sviluppando così una visione a 360°. L’ultimo step, il più difficile, vede l’istruttore posizionato alle spalle dell’attaccante. Quest’ultimo dovrà quindi dare una rapida “occhiata” alle sue spalle poco prima di ricevere il passaggio.

FOCUS TECNICO-TATTICO

  • situazione di 1 contro 1. La doppia “via di fuga” per l’attaccante favorirà il suo obiettivo. Stimolare finte di corpo e dribbling per sbilanciare il difendente

FOCUS MOTORIO

  • ricevere il pallone guardandolo il meno possibile. Stimolare la visione periferica osservando la posizione dell’allenatore
  • agility
Share.

About Author

Diego Franzoso

Franzoso Diego, nato a Rovigo il 15/04/1983. Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche dell'Attività Motoria Preventiva e Adattata. Allenatore UEFA B e Istruttore CONI-FIGC. Attualmente allenatore dei Giovanissimi Regionali dell'Hellas Verona.

Leave A Reply