Messa in Azione: allenare Marcamento e Smarcamento

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Messa in Azione: allenare Marcamento e Smarcamento

Nell’articolo di oggi rivediamo aggiornata una proposta pubblicata per la prima volta su Ideacalcio nell’Aprile 2013. Si tratta di un’esercitazione rivolta prevalentemente alle categorie dell’attività agonistica, il cui focus principale è rivolto a marcamento e smarcamento.

Tra i sotto-obiettivi ritroviamo il colpo di testa e il passaggio al volo.

La proposta l’h’ho personalmente utilizzata nella fase di attivazione ma ognuno di voi potrà inserirla quando lo ritiene più opportuno. Attenzione maggiore dovrà essere prestata con le categorie più grandi, soprattutto nei mesi più freddi.

Le dimensioni del campo di gioco dipendono da diversi fattori, quali soprattutto il numero di giocatori coinvolti e la categoria di riferimento. Queste tuttavia non dovranno essere eccessivamente grandi, vista la fase della seduta in cui ci troviamo. Sul perimetro del campo di gioco vengono collocate sei porte formate con dei paletti e larghe circa 3 metri.

Formiamo due squadre. Si gioca su marcature fisse, quindi ogni giocatore sarà abbinato ad un giocatore della squadra avversaria

Partita a tema Riscaldamento Marcamento

Si svolge un possesso con le mani per la ricezione del passaggio, mentre per la trasmissione dovremmo alternare un passaggio di testa (con auto-alzata) ad uno coi piedi.

Non si può correre con la palla in mano (al massimo un paio di passi) ma non si può nemmeno essere ostacolati nell’esecuzione del passaggio.

Il gol è valido passando la palla ad un compagno che riceve alle spalle di una delle porticine (il passaggio deve avvenire tra le porticine) poste in ordine casuale sul perimetro del campo. Se la marcatura del difensore non è troppo morbida, sarà necessario trovare il giusto “timing” per lo smarcamento, non arrivando dietro la porticina troppo in anticipo

Osservazioni: dopo una prima fase con le mani, la partita si può svolgere coi piedi, limitando chiaramente il numero di tocchi, 3 o 2.

Il contrasto sarà permesso solo sul proprio avversario diretto.

 

Share.

About Author

Diego Franzoso

Franzoso Diego, nato a Rovigo il 15/04/1983. Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche dell'Attività Motoria Preventiva e Adattata. Allenatore UEFA B e Istruttore CONI-FIGC. Attualmente allenatore dei Giovanissimi Regionali dell'Hellas Verona.

Leave A Reply