Gioco Semplificato per Attività di Base: “1 contro 1 con Sostituzioni a Sostegno”

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Gioco Semplificato per Attività di Base: “1 contro 1 con Sostituzioni a Sostegno”

Nell’articolo di oggi, pubblicato per la prima volta su Ideacalcio nel Settembre 2014, propongo un’esercitazione che ho spesso inserito nella messa in azione nei miei allenamenti con la Scuola Calcio; in particolare con le categorie Primi Calci e Pulcini.
Inizialmente non avevo intuito tutto il potenziale dell’esercitazione, solo successivamente, proponendola in più occasioni, mi son accorto dei numerosi vantaggi e degli obiettivi a cui in principio non avevo pensato.

In ogni campo posizioniamo 4 bambini, 2 per squadra. Formiamo più campi di gioco.
Le dimensioni dei campi di gioco possono variare anche in base a quanto spazio abbiamo a disposizione. Se abbiamo 12 bambini posso fare tre campi, se ne ho 8 potrò farne due e allora potrò farli anche un po’ più grandi.

I vari campi di gioco possono essere adiacenti; in questo modo l’istruttore controlla più agevolmente i diversi campi.

Si inizia con due componenti in campo, uno per squadra e con una situazione di 1 contro 1 con l’obiettivo di portare palla a meta sulla linea avversaria.

In realtà però non è un semplice 1 contro 1 perché il secondo compagno staziona sulla propria linea di meta, potendosi però muovere solo lateralmente.
L’attaccante, dopo aver superato l’opposizione del primo avversario, dovrà superare anche il secondo a difesa della linea di meta.

Avremo quindi una situazione di 1 contro 1 con gioco libero e una situazione di 1 contro 1 col difensore vincolato a degli spostamenti laterali

Successivamente ho inserito alcune varianti che hanno reso la proposta più completa e più stimolante; “più carica a livello cognitivo”.

Il portatore di palla può, in qualsiasi momento, giocare palla per il suo compagno a sostegno che, in maniera autonoma decide se:

  • rigiocare palla al compagno e rimanere a sostegno;
  • entrare dentro al campo col primo controllo, prendendo il posto del compagno che a sua volta esce;

OSSERVAZIONI

Questa regola ci permette di ampliare la visione dei più piccoli giocatori, stimolandoli a conoscere il passaggio di scarico e la presenza dei compagni alle sue spalle.

Per natura, il bambino è portato ad avere una visione a 180°, prendendo in considerazione solo gli elementi nel suo campo visivo.

Questa regola permette inoltre al portatore di:

  • far entrare il compagno ed uscire per rifiatare
  • giocare palla al compagno e andarla a riprendere nello spazio per il passaggio di ritorno

Soprattutto la seconda possibilità è molto interessante perché stimola i giocatori a dettare il nuovo passaggio, muovendosi presumibilmente nello spazio (smarcamento). Ecco allora che potranno verificarsi diverse triangolazioni per attaccare l’avversario alle spalle.

Il giocatore sulla linea dovrà valutare se il compagno si muove dopo il passaggio o se resta “ancorato” all’avversario. A seconda di quale dei due casi si verifichi, il nuovo possessore decide se giocare il passaggio di ritorno o se entrare palla al piede.

E ancora, nel caso l’elemento a sostegno decida di entrare, si svilupperanno i presupposti di quelle che a tutti gli effetti è un interscambio di posizione, col giocatore in campo che va a prendere il ruolo del compagno.

Ulteriori VARIANTI che possono essere inserite:

  • se il giocatore sulla linea ferma l’attaccante lanciato a meta, entra dentro al campo e il compagno prende il suo posto (transizione positiva);

 

  • se il giocatore sulla linea ferma l’attaccante lanciato a meta, entra dentro al campo e insieme al compagno crea una situazione di 2 contro 1 per andare a meta molto velocemente;

  • il giocatore a sostegno gioca a 1 tocco (entrare col primo controllo orientato o per il passaggio di ritorno);
  • il giocatore a sostegno entra ogni qualvolta riceva palla
  • il giocatore a sostegno rigioca sempre palla al compagno (1 o 2 tocchi)

 

Credit Immagine: http://clubs.bluesombrero.com/Portals/518/Picture%20125.jpg

Share.

About Author

Diego Franzoso

Franzoso Diego, nato a Rovigo il 15/04/1983. Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche dell'Attività Motoria Preventiva e Adattata. Allenatore UEFA B e Istruttore CONI-FIGC. Attualmente allenatore dei Giovanissimi Regionali dell'Hellas Verona.

Leave A Reply