“Build Up”: La Costruzione del Milan di Stefano Pioli, di Samuele Arzenton

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Come ci suggerisce il titolo della rubrica - “Build Up” - andremo ad analizzare nel dettaglio la prima costruzione delle squadre più interessanti del panorama europeo. Attraverso la Match Analysis osserveremo il relativo posizionamento dei giocatori e i possibili sviluppi adottati a seconda dell'altezza del pressing avversario.
Come secondo obiettivo daremo spazio anche ad alcuni comportamenti e principi di gioco riconosciuti con maggior frequenza nella squadra in esame.

Questo Milan post lockdown ha stupito e continua a stupire un po’ tutti. Sulla cresta di un’onda positiva che lo vede protagonista da 7 mesi di imbattibilità, frutto di 24 risultati utili consecutivi, collezionati tra Serie A e Europa League, gli sono valsi il primato momentaneo in entrambe le competizioni. Il lavoro del tecnico Stefano Pioli, inizialmente messo in discussione (nella prima parte della sua esperienza) salvo poi essere riconfermato per la stagione in essere (2020/2021), ha portato il Milan, dopo anni di molte ombre, a lottare per i primi posti della classifica.

Un fattore di un'importanza rilevante, che ha fornito un grande aiuto alla crescita della squadra, è senz'altro l’arrivo di un campionissimo come Zlatan Ibrahimovic. Lo svedese, non solo ha assicurato maggiori soluzioni offensive, ma ha garantito una crescita mentale ai tanti giovani della rosa, offrendosi come punto di riferimento per i compagni e portando all’interno del gruppo maggior autostima; in altre parole, una mentalità vincente.

Questo articolo è disponibile solo per gli Abbonati:

  • Se sei già abbonato Accedi per visualizzare l'articolo.
  • Altrimenti visita questa pagina e scopri i nostri Abbonamenti!

 

Share.

About Author

Samuele Arzenton

Nato a Este. Laureato in Scienze Motorie e Sportive. Match Analyst certificato SICS. Allenatore attività di base e istruttore di educazione motoria presso scuole per l'infanzia.