“Visione strategica” Roma – Napoli: la paura di giocare, di Andrea Loiacono

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

"Forse non abbiamo la mentalità per lottare contro questo tipo di squadre. Nel primo tempo ho visto una squadra senza coraggio, con mancanza di mentalità. Nel secondo tempo siamo stati completamente diversi, abbiamo avuto l'iniziativa e la partita è stata totalmente diversa. Nel primo tempo non siamo esistiti e la responsabilità è di tutti. Quando si ha paura di giocare diventa difficile. Secondo me è una questione di atteggiamento e mentalità, nel primo tempo non ho visto la voglia di giocare. Abbiamo sempre aspettato l'avversario, nel secondo tempo è cambiato tutto".

Queste parole, pronunciate da Paulo Fonseca dopo la sconfitta contro il Napoli, dimostrano l’incidenza del fattore emozionale sulla prestazione della squadra; è la conferma che, per l’ennesima volta, la tattica, la tecnica, le emozioni, l’ambiente circostante, non possano essere considerati come delle entità che agiscono a compartimenti stagni ma, al contrario, interagiscono costantemente. La partita dell’Olimpico, Roma-Napoli, ci ha dimostrato come l’alterazione di uno di questi fattori modifichi in maniera decisiva anche tutti gli altri. La Roma ha mostrato due condizioni emozionali diverse, che hanno condizionato in maniera evidente anche l’aspetto tattico della gara.

Fonseca ha adottato la solita struttura difensiva con tre difensori centrali, quattro centrocampisti, due trequartisti e una punta che, in fase di non possesso, diventava un 1-5-2-3. Gattuso, invece, ha schierato il Napoli con un 1-4-4-2, con i terzini in appoggio, abbastanza bassi, per garantire superiorità numerica, due mediani alle spalle della prima pressione e le ali in massima ampiezza.

Questo articolo è disponibile solo per gli Abbonati:

  • Se sei già abbonato Accedi per visualizzare l'articolo.
  • Altrimenti visita questa pagina e scopri i nostri Abbonamenti!

 

Share.

About Author

Andrea Loiacono

Andrea Loiacono, nato a Bari nel 1997. Laurea triennale in Scienze delle attività motorie e sportive, allenatore Uefa C, partecipante al corso per Match Analyst di Coverciano; ha allenato dalla categoria pulcini alla prima squadra in varie società pugliesi, dilettantistiche e professionistiche, quali Levante, FC Bari e Real Sannicandro. Attualmente allenatore dell’Under 17 regionale della Pro Calcio Bari.