4-3-3. 4-3-3 Zeman. Modulo 4-3-3. Sviluppi 4-3-3 Zeman Andiamo subito al sodo :), il 4-3-3 di Zeman La fase offensiva prevede la partecipazione attiva di… Continua »

4-3-3. 4-3-3 Zeman. Modulo 4-3-3. Sviluppi 4-3-3 Zeman

Andiamo subito al sodo :), il 4-3-3 di Zeman

La fase offensiva prevede la partecipazione attiva di diversi elementi :
– Terzini
– Interni (mezz’ali)
– Ali
– Mediano
– Centravanti

La fase offensiva si sviluppa attraverso varie tecniche di rifinitura :

– cross
– sovrapposizioni
– filtranti sui tagli
– sponde su inserimenti
– combinazioni a 2 o 3 giocatori

Contro le difese schierate è la catena costituita da : terzino, interno ed ala quella maggiormente sollecitata, cercando di sfondare lateralmente e di giungere alla rifinitura tramite cross dal fondo

Un esempio

-8, interno di destra, si trova in possesso palla
-7, ala destra, viene incontro al compagno muovendosi per vie interne in modo da costringere il suo diretto avversario a scegliere se seguirlo e quindi liberare la zona laterale o rimanere in posizione e quindi permettere a 7 di ricevere.

In contemporanea, 2 si propone sull’out laterale

-8 ha quindi ALMENO 2 soluzioni :

-8 serve 7 e si propone per ricevere il passaggio di ritorno
-7 in possesso di palla può a sua volta chiudere la combinazione con l’interno o aprire lateralmente per 2 che, ricevuta palla in zona laterale, può andare al cross o servire in profondità 8 inseritosi

Ed è proprio l’inserimento dell’interno a mettere in difficoltà il terzino avversario che si vede in inferiorità numerica,2v1

Ora vediamo un’altra soluzione

-7 taglia internamente e riceve il passaggio dal mediano.

E’ assolutamente apprezzabile il movimento combinato tra ala e terzino (come abbiamo visto in precedenza le catene esterne sono molte sollecitate dal 4-3-3 e le squadre di Zeman non fanno eccezzione) utile a creare i presupposti per uno sfondamento in fascia.

-7 s’appoggia quindi su 8 a sostegno serve 2 libero a destra.

Il 4-3-3 di Zeman

Se il terzino avversario non dovesse seguire 7, questi sarebbe rimasto libero e avrebbe potuto servire 9 in profondità o andare lui stesso al tiro.

Sempre per vie laterali vediamo un’altra soluzione:

-3 ricevuta palla da 5, da il via ad una nuova combinazione laterale.
-3 porta palla, l’interno sinistro, 10, si smarca per ricevere internamente mentre l’ala, 11, si muove incontro

-3 dopo aver giocata palla su 10 prosegue la sua corsa inserendosi sull’out di sinistra
-10, una volta entrato in possesso, va a giocare immediatamente in verticale sulla punta che di testa (o di piede) va a smarcare 3 sulla fascia
-Il terzino rifinisce l’azione con un cross dal fondo

Due possibili soluzioni per vie centrali :

Gli attacchi centrali vedono la partecipazione attiva della prima punta, abile sia a far da sponda che a tagliare in profondità

– 5, centrale di sx, va a servire 11 che si è smarcato con un taglio interno tra le linee di difesa e centrocampo avversarie.

– 9 e 7, ancor prima che l’ala sx sia entrata in possesso palla, vanno ad attaccare la profondità

Controllo orientato di 11 e breve percussione per dare il tempo ai 2 compagni di avvicinare i difensori avversari per poterli attaccare alle spalle.
In figura, intelligente lo smarcamento di 9 che tagliando sul centro sinistra impedisce al difensore centrale di destra di uscire su 11

Una possibile alternativa, sempre con 11 in rifinitura tra le linee, nel caso che la difesa abbia assorbito i tagli degli attaccanti, è quella di servire 2 o 8 sul lato debole, in inserimento a rimorchio, sfruttando il movimento di catena

Alcuni CONCETTI CHIAVE:

Nella sua carriera Mister Zeman ha sempre adottato il 4-3-3, motivando la sua scelta con l’occupazione ottimale di tutto il terreno di gioco e per la formazione “spontanea” di numerosi triangoli che vengono a formarsi tra gli elementi in campo.

Già solo con questi 2 aspetti le similitudini con il Barcellona di Guardiola spuntano subito all’occhio. Come se non bastasse, pure il tecnico Boemo chiede l’immedita pressione sul portatore in caso di perdita della sfera, coi compagni che accorciano sugli appoggi più vicini.

Le analogie tra il Barca degli ultimi anni e le squadre di Zeman continuano anche nell’avvio della manovra con palla al portiere. Raramente si vedono le sue squadre lanciare lungo in quanto la palla “non si sa a chi andrà”. Ecco quindi che si predilige la manovra sul corto, possibilmente sui 2 difensori esterni.

Non ricordo la partita purtroppo, ma in una partita del Pescara di quest’anno, abbiamo potuto osservare il terzino sinistro andare alla conclusione (con gol) servito …….. dal terzino di destra…alla faccia del calcio Italiano : “se l’azione si sviluppa a destra, il terzino di sinistra deve ASSOLUTAMENTE stringere nel mezzo e restare GIU'”

Per quanto riguarda la preparazione Atletica ormai la sua è LEGGENDA e se ne sentono di tutti i colori 🙂

Una volta un allievo di Zeman raccontò che a bordo campo i magazzinieri lasciavano dei secchi vuoti che venivano utilizzati dai giocatori per vomitare

O i GRADONI…

O 3 o 4 ripetizioni sui 5000m (CINQUEMILA….)

O 10 volte i 1000m per una o due settimane..TUTTI I GIORNI

AUGURI!! 🙂

P.S. L’articolo che ho scritto non l’ho fatto con la presunzione di raccontarvi Zeman o quant’altro, ma solo per condividere con voi qulche info e qualche pezzo di articolo che ho letto su di lui.
Ben vengano i vostri commenti e spero vi possa piacere