Premium
Possessi Palla

Possesso di progressione 9v9: scaglionarsi oltre le linee rivali

17 Novembre 2021

Possesso di progressione 9v9: scaglionarsi oltre le linee rivali

Nell’articolo di oggi andiamo a vedere una proposta portata sul campo con la categoria Giovanissimi e rivolta a tutte le categorie dell’attività agonistica (a dire il vero, con numeri diversi e qualche regola leggermente differente, l’ho già sperimentata anche con la categoria Esordienti).

Si tratta di un possesso di progressione che è una variante delle infinite esercitazioni che ho già pubblicato nel mio ebook “Possessi e Partite di progressione”. 

Questo mezzo di lavoro trova sul campo elevata specificità, sicuramente maggiore rispetto ai più tradizionali possessi palla e a mio parere anche più dei giochi di posizione (ciò non significa che gli uni escludano gli altri).

L’obiettivo, generalmente, è allenare la progressione del pallone verso la porta avversaria (non per tanto un possesso palla fine a se stesso), utilizzando vincoli più o meno stretti per favorire la fase di costruzione. Le varianti possono essere praticamente infinite, con la possibilità di operare a livello globale o a numeri ridotti.

Giocatori coinvolti: 18. Formiamo due squadre da 9 elementi ciascuna, disposti in posizione e inizialmente zonati. Squadre schierate col 2.6.2.

Il campo di gioco – di dimensioni variabili a seconda del numero di giocatori coinvolti, della categoria, del giorno della settimana in cui ci si allena, ecc. – viene diviso orizzontalmente in tre zone, con quella centrale più grande e divisa a sua volta in metà campo difensiva e offensiva. Viene infine interdetta l’ampiezza nei settori di difesa e attacco (solo a centrocampo è possibile utilizzare la massima ampiezza).

Le due squadre giocano per contendersi il possesso per guadagnare 1 punto muovendo palla da una zona esterna all’altra; si otterrà inoltre 1 punto trovando un passaggio nella metà campo più lontana della zona centrale e proveniente da una zona esterna.

Trovato il passaggio in favore dell’attaccante, un centrocampista potrà entrare nel settore per aiutarlo (è inizialmente in inferiorità numerica); oltre che entrambi i laterali.

Possibilità per un centrocampista di scendere nella prima zona di costruzione ma di poter essere seguito (è una scelta: se mi abbasso per partecipare alla prima risalita del pallone, un centrocampista avversario potrebbe però seguirmi).

Considerazioni finali

Il focus è in particolare sullo scaglionarsi alle spalle delle linee avversarie soprattutto nella zona centrale del campo, sia in ampiezza che al centro, al fine di favorire l’imbucata (passaggio chiave o laser pass) e il proseguo dell’azione verso la porta avversaria.

E l’uomo (o uomini) tra le linee come si orienta? Riesce a posizionarsi correttamente (e a percepire) per conoscere in anticipo (ancor prima di ricevere) come far proseguire l’azione?