fbpx
Possessi Palla

Possesso palla: muovere la squadra avversaria

19 Luglio 2022

Possesso Palla 3v2: Muovere Palla da una Zona Esterna all’altra

Nell’articolo di oggi rivediamo aggiornata una delle primissime esercitazioni pubblicate su Ideacalcio (febbraio 2012). Si tratta di un possesso palla (possesso mobile per la precisione) portato sul campo con una squadra di Allievi e rivolto a tutte le categorie dell’attività agonistica (adulti compresi).

Gli obiettivi (così come vale per moltissime esercitazioni) possono essere di vario tipo e natura (tecnico-tattici, fisici, mentali), a seconda degli aspetti su cui l’allenatore si concentrerà maggiormente e su quelle che sono le caratteristiche dei giocatori a disposizione.

Giocatori coinvolti 9. Vengono formate tre squadre da 3 elementi ciascuna.

Campo di gioco 30×10 diviso in tre zone uguali; queste dipenderanno principalmente dalle capacità tecnico-tattiche dei giocatori e dalle condizioni del terreno di gioco. Due squadre iniziano in fase di possesso mentre la terza in difesa.

Iniziale situazione di 3v2 nella zona 1 con l’obiettivo per la squadra blu, ostacolata da 2 giocatori rossi, di servire uno dei 2 elementi gialli in zona 2, dove è presente un 2v1.

Possesso Palla 3v2 Muovere Palla da una zona all'altra

I giocatori gialli, una volta ricevuta palla, dovranno muoverla verso il compagno posto in zona 3, ostacolati dall’elemento rosso.

In caso di successo, i gialli dovranno spostarsi velocemente in zona 3 per ricreare il 3v2, coi rossi che a loro volta cambiano zona (2 rossi in zona 3, 1 rosso in zona 2).

Cambio rossi a tempo (3-4′) oppure dopo un numero prestabilito di intercetti.

VARIANTE

I 2 gialli nel mezzo devono eseguire un numero minimo di passaggi (2?) prima di poterla trasmettere al compagno in zona 3

Considerazioni finali

Nella zona centrale si vuole stimolare il movimento a compasso dei 2 giocatori (uno alto l’altro basso) e pertanto lo scaglionamento a differenti altezze.

Tra gli obiettivi possiamo concentrarci sul controllo orientato (ad esempio inserendo la regola dell’obbligatorietà di giocare almeno a due tocchi), sul corretto orientamento del corpo, sulla percezione dell’intorno (riconoscimento dell’uomo libero) o sul spostarsi velocemente (sia in fase di possesso che di non possesso) per dar continuità al gioco e per far densità vicini al pallone.

In linea generale il macro-principio è quello di muovere la squadra avversaria, obbligandola a continui cambi di campo.

Credit Immagine: http://www.sport.it

Lascia un commento

Hai già un account? Accedi

Powered By MemberPress WooCommerce Plus Integration