Premium
Partite a Tema

Partite a team u12 e u14: riconoscere un vantaggio

15 Novembre 2021

Partite a team u12 e u14: riconoscere un vantaggio

Nell’articolo di oggi vediamo due esercitazioni portate sul campo rispettivamente con una squadra di Esordienti u12 e di Giovanissimi u14. A questo punto già potrebbe sorgervi una domanda: come mai queste due proposte insieme?

Se è vero che da molti anni alleno contemporaneamente due squadre nel corso della stessa annata, mai come quest’anno queste sono così a distanza ravvicinata in termini di differenza di età: primo anno Giovanissimi e primo anno Esordienti.

Un po’ per questo motivo, un po’ perché i principi del gioco del calcio sono universali, e un po’ perché il gruppo Esordienti (2010) l’ho seguito nel corso del biennio Pulcini, ho ideato e portato sul campo due esercitazioni che si somigliano molto nelle loro finalità.

Nel dettaglio vedremo due partite a tema che vogliono allenare la risalita del pallone, partendo dalla prima zona di costruzione, riconoscendo dei vantaggi numerici o posizionali.

Esercitazione categoria Esordienti u12

Giocatori a disposizione: 16. Due squadre da 8 giocatori ciascuna e schierate in posizione (1.2.4.1; i ruoli se li possono scegliere i giocatori). Mentre difensori e attaccanti sono inizialmente zonati nella loro rispettiva metà campo, i centrocampisti agiscono liberamente.

Le dimensioni del campo di gioco dipendono dallo spazio a disposizione.  Giocando una partita a numeri quasi reali con la partita, ci si potrebbe anche avvicinare alle dimensioni del campo a 9. Campo di gioco diviso orizzontalmente in due metà da tre cancelli.

Si gioca una partita per il gol nella porta avversaria.

Per uscire dalla metà campo difensiva sarà necessario attraversare in conduzione uno dei tre cancelli o trovare un passaggio in uno dei due mezzi spazi (tra il cancello laterale e quello centrale).

I difensori possono conquistare la metà campo offensiva in conduzione.

Gol vale doppio se entrambi i laterali e i centrocampisti si trovano nella metà campo offensiva.

Esercitazione categoria Giovanissimi u14

Giocatori a disposizione: 20. Due squadre da 10 giocatori ciascuna e schierate in posizione (1.3.3.3). Giocatori inizialmente zonati nella propria rispettiva zona.

Le dimensioni del campo di gioco dipendono dallo spazio a disposizione, dal giorno della settimana in cui ci si allena e dalle capacità dei giocatori. Campo di gioco diviso orizzontalmente in tre settori e con quella centrale più piccola e divisa a sua volta in offensiva e difensiva; l’ampiezza nella zona centrale (zone viola) è interdetta al gioco (si vuole pertanto forzare la costruzione per vie centrali).

Si gioca una partita per il gol uscendo dal settore difensivo trovando un passaggio nella metà campo offensiva della zona centrale o direttamente in attacco.

Un centrocampista può abbassarsi in difesa ma potrà essere seguito; a questo punto un attaccante può abbassarsi ma potrà essere seguito da un difensore.

Il difensore che trova il passaggio nella metà campo offensiva può inserirsi con gioco e mi muovo in avanti.

Possibilità di interscambio tra attaccanti e centrocampisti

Giocata palla in attacco, due centrocampisti possono inserirsi ma potranno essere seguiti dagli avversari di zona.

Considerazioni finali

Come anticipato in precedenza, le proposte hanno diverse similitudini.

Il punto probabilmente cardine è sul riconoscimento dei vantaggi, in termini numerici o di posizione. Ma che significa?

Nella prima esercitazione il portiere, insieme ai due difensori, si trova in situazione di superiorità numerica nei confronti dell’attaccante; così come nella seconda esercitazione: P+3v3, con la possibilità per i centrocampisti di abbassarsi in costruzione. Tale superiorità va sfruttata, trasferendola con la conduzione (soprattutto nella prima esercitazione) o mantenendo il possesso al fine di trovare un compagno alle spalle delle linee avversarie e in grado di far progredire l’azione verso la porta avversaria.

Per questo dico che non è sempre necessario trasferire la superiorità numerica nel momento che riconosco un vantaggio di posizione (uomo libero alle spalle delle linee avversarie). Sia la prima che la seconda proposta vogliono favorire il comportamento dei centrocampisti ad alzarsi proprio oltre le linee della squadra rivale.   

Tra i comportamenti emergenti, in una o nell’altra proposta, consiglio di osservare il corretto orientamento del corpo e la percezione del lato cieco, soprattutto per i centrocampisti.

 

Foto: https://www.manchestereveningnews.co.uk