Comportamenti Individuali in Fase di Possesso: riconoscimento della propria funzione, attiro o invado

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Nell'articolo di oggi vediamo un'esercitazione che ho portato sul campo con una squadra di Giovanissimi ma che a parer mio può essere rivolta a tutte le categorie, a partire da quella Pulcini agli Adulti.

Se è vero che a seconda della categoria e delle capacità del gruppo la complessità della proposta potrebbe risultare differente, lo scopo è quello di *introdurre, nella fase di attivazione della seduta, il riconoscimento della propria funzione, legato inevitabilmente alla percezione dell'intorno.

*destrutturare la situazione con l'obiettivo di facilitarne la comprensione e ricreare le condizioni per cui i giocatori possano sperimentarla tantissime volte (rispettando il principio delle propensioni).

A seconda del numero di giocatori possiamo pensare di sviluppare la proposta su uno o due campi di gioco, aumentando in questo modo il numero di ripetizioni per ogni giocatore.

FOCUS COMPORTAMENTI TATTICI INDIVIDUALI

riconoscimento della propria funzione: attrattore (attira linee di pressione ed apre varchi) o di invasore (possibilità di invadere in conduzione gli spazi liberi alle spalle delle linee di pressione) . Il riconoscimento della propria funzione è legato (come detto in precedenza) alla percezione dell'intorno; la capacità, in questo caso, di osservare il comportamento dei difensori alle sue spalle

COMPORTAMENTI EMERGENTI

orientamento del corpo (utile a percepire maggiori informazioni)
terzo uomo

Questo articolo è disponibile solo per gli Abbonati:

  • Se sei già abbonato Accedi per visualizzare l'articolo.
  • Altrimenti visita questa pagina e scopri i nostri Abbonamenti!

 

Share.

About Author

Diego Franzoso

Franzoso Diego, nato a Rovigo il 15/04/1983. Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche dell'Attività Motoria Preventiva e Adattata. Allenatore UEFA B e Istruttore CONI-FIGC. Attualmente allenatore dei Giovanissimi Regionali Élite dell'AC Este