Sviluppare la collaborazione offensiva

Attività di base: “1+2 appoggi contro 1 con Portieri” – riconoscimento del compagno nelle condizioni migliori

9 Gennaio 2015

Attività di base: “1+2 appoggi contro 1 con Portieri” – riconoscimento del compagno nelle condizioni migliori

Nell’articolo di oggi vediamo aggiornato un articolo pubblicato originariamente su Ideacalcio nel Gennaio 2015. Si tratta di un’esercitazione utilizzata con un gruppo di Pulcini (al primo anno) e rivolta alle categorie dell’attività di base.

La proposta è molto personalizzabile, grazie a un gran numero di varianti che possono essere inserite allo scopo di creare stimoli e aggiustamenti sempre nuovi per non appiattire le soluzioni adottate dai giocatori.

Dividiamo orizzontalmente il campo in due metà.

Osservazione: questa è una prima variante da prendere in considerazione durante lo svolgimento della proposta. Ritengo infatti utile variare le dimensioni dei campi di gioco – quando possibile – all’interno della seduta stessa. Variare lo spazio e di conseguenza il tempo a disposizione (analizzare-decidere-eseguire), sono due variabili che possono arricchire moltissimo il bagaglio dei giocatori.

All’interno del campo troveremo due appoggi (giocatori verdi) e un difensore rosso, tutti liberi di muoversi su entrambe le metà campo.

L’attaccante (blu), inizialmente in possesso di palla all’esterno del campo, avrà l’obiettivo di far toccare palla ad uno dei due portieri per poi segnare nella porta opposta (quella non scelta), coadiuvato dai due appoggi.

L’attaccante e gli appoggi avranno a disposizione 10″ per raggiungere l’obiettivo; in caso di insuccesso l’attaccante prende il posto del difensore. Se il difensore recupera palla potrà concludere nella porta scelta dall’attaccante.

VARIANTI

  • L’attaccante non potrà giocare palla direttamente su uno dei due portieri ma dovrà passare su uno dei due appoggi
  • I due appoggi sono vincolati alle due metà campo e non possono uscire dalla propria
  • I due appoggi potranno cambiare metà campo ma mantenendo sempre l’equilibrio iniziale (uno per metà campo)
  • Il gol è valido solo se i due appoggi si scambiano almeno una volta di metà campo
  • Gli appoggi potranno segnare solamente di prima intenzione.

Osservazione: questa sarà una variante molto interessante nel momento che un appoggio si trova nei pressi della porta avversaria e in possesso della palla. Potrà capitare infatti che un difensore vada a marcare l’attaccante (consapevole del fatto che l’appoggio non potrà concludere), sollecitando smarcamento e interscambi di posizione

  • Almeno quattro passaggi prima di concludere. Il primo passaggio non si conta.

Osservazione: questa variante stimola la collaborazione, lo smarcamento e la velocità di decisione ed esecuzione (abbiamo sempre i 10″ per concludere l’azione)

FOCUS

Il focus della proposta è sulla gestione della superiorità numerica e di conseguenza sul riconoscimento del compagno nelle migliori condizioni per concludere o per dar continuità all’azione.

 

Foto: http://mrg.bz/TJwWCt

Lascia un commento

Hai già un account? Accedi