fbpx
L'Angolo del Preparatore

I test di valutazione nel calcio

4 Gennaio 2019

I test di valutazione nel calcio

Nell’articolo di oggi parliamo di test.

I test sono uno strumento di indagine che ci possono permettono ad esempio di conoscere e determinare il livello di capacità fisica del nostro singolo atleta.

I test devono essere:

✔️ Di semplice esecuzione.

✔️ Obiettivi, non deve essere influenzato dal rilevatore.

✔️ Standardizzabili, devono essere sempre proposti nello stesso modo e nelle stesse condizioni.

Esistono tantissimi test, tutti importanti e utili, da cui si possono ricavare dati di ogni natura. È quindi importante valutare e scegliere quale test ci può essere utile, quale dato vogliamo ricavare e come vogliamo impostare la nostra programmazione.

Un esempio importante per far capire a pieno quanto sto dicendo è il seguente: non ha senso proporre un test come lo Yo-Yo Recovery test se poi le nostre sedute del martedì sono incentrate su proposte di lavoro in linea.

  • Perché chiamarla preparazione atletica e non periodo pre-agonistico? Perché in questo periodo la componente condizionale/fisica dovrebbe essere vista con maggior importanza rispetto alle altre strutture del giocatore?

    7 Lezioni (115 min.)
    Il prezzo originale era: 25,00 €.Il prezzo attuale è: 18,75 €.

Quali sono i Vantaggi dei Test:

✔️ Definire una situazione iniziale

✔️ Mettere in evidenza le carenze e le predisposizioni di ciascuno

✔️ Costruire gruppi di lavoro omogenei

✔️ Dare ai giocatori consapevolezza degli obiettivi dell’allenamento

✔️ Pianificare programmi di allenamento a breve o lungo termine.

Ha senso proporre il test solo all’inizio del precampionato?

Vedo in molte categorie dilettanti, allenatori che continuano a proporre il primo giorno di precampionato il test fisico e poi… non lo ripropongono mai più per tutta la stagione. Che senso ha quindi fare un test?

Il test deve essere riproposto almeno 3 volte nel corso della stagione; esso sarà utile per valutare i miglioramenti nel medio e lungo periodo.

Il test deve essere proposto in questi periodi:

✔️ All’inizio della preparazione (o meglio, consiglio di proporlo almeno dopo 10 giorni di adattamento generale fatto con tutta la squadra; il test infatti richiede uno sforzo massimale e quindi un carico di questo tipo, il primo giorno, potrebbe portare affaticamenti precoci e infortuni)

✔️ Dopo 2 mesi. Periodo che comprende tutta la preparazione e almeno 4 – 5 match di campionato

✔️ A dicembre prima della pausa natalizia

✔️ Alla fine del campionato

Quali test possiamo proporre sul campo?

? Test di Gacon (45” – 15”)

È un test di potenza (velocità aerobica massima – VAM). È un test incrementale che prevede un’alternanza di tratti di corsa di passo di 45” e momenti di recupero di 15”. Abbiamo una velocità iniziale di 10 km/h che corrisponde al tratto di 125 metri percorso in 45”, dopo la pausa di 15” si percorrono 6,25 metri in più, aumentando di conseguenza la velocità di corsa (10,5 km/h) e così via fino a quando il nostro atleta non riuscirà più a coprire la distanza prevista in 45”.

? Test a Navetta 20 metri

È un test proposto da Capanna nel 1995 e prevede 6 prove massimali su una navetta 20 + 20 metri con 20” di recupero. L’obiettivo è quello di valutare la RSA  (repeat sprint ability) considerando il tempo medio di esecuzione e il decremento di tempo espresso in percentuale nelle sei prove.

Dati utili di riferimento:

  1. Le capacità di scatto sono migliori quando è inferiore il tempo della prima e della seconda prova
  2. Le capacità lattacide sono migliori quanto più piccole sono le differenze fra le prime e le ultime prove.

? Test sui 30 metri

È un test utile che fornisce indicazioni sull’accelerazione del soggetto. I tempi ottenuti si confrontano con una apposita tabella di valutazione. Bisogna effettuare 3 prove per poter scegliere la migliore con 2 minuti di recupero.

Per determinare la velocità di corsa dobbiamo utilizzare la seguente formula:

distanza percorsa x 3,6  / tempo in secondi = …. Km/h

Tempo in secondiValutazione
5.2”Insufficiente
4.8” – 5.2”Discreta
3.8” – 4.8”Buona
3.8”ottima

? Test forza esplosiva (salto in lungo da fermo)

Si parte in posizione eretta. Effettuare una semi accosciata e balzare in avanti, cercando di portare i piedi più lontano possibile. La misurazione avviene tenendo conto della linea di partenza e la linea di arrivo.

Si valuta il livello di forza con l’utilizzo della tabella seguente.

Centimetri di salto Valutazione
130 cmInsufficiente
170 cmMedio
210 cmDiscreto
230 cmBuono
>230 cmottimo

Credit Immagine: https://sportslens.com/cristiano-ronaldo-tested-to-the-limit/79150/

Commenti

4
  • Massimo ha detto:

    I test vanno proposti tutti in un’unica seduta? Vanno fatti in sequenza come descritti? Grazie!

    • Diego Franzoso ha detto:

      Questa è una carrellata di test più utilizzati nel mondo del calcio soprattutto nei dilettanti.
      Un mio consiglio personale è quello di non proporli tutto insieme e tanto meno nelle prime sedute di allenamento ma prima effettuare almeno 7-8 sedute di adattamento, perché sono sempre e comunque test massimali dove il nostro atleta dovrebbe dare il 100%.
      I test non devono essere proposti nella singola seduta perché sono test che valutano diverse capacità condizionali.
      Proporrei prima di tutto il test di Gacon, poi il test di forza e quello sulla velocità. Il test a navetta può essere anche proposto come seduta di allenamento.

  • Massimo ha detto:

    I test vanno proposti in un’unica seduta? Vanno eseguiti nella sequenza indicata?

  • massimomarnicco@gmail.com ha detto:

    Ci sono test di valutazione specifici per il settore giovanile? E’ utile proporli ad una categoria giovanissimi? E per l’attività di base? Mi vengono in mente dei circuiti di destrezza oppure test di mobilità articolare. Sarebbero utili? Grazie.

Lascia un commento

Hai già un account? Accedi

Powered By MemberPress WooCommerce Plus Integration