fbpx
Sezione Portieri

Portiere – Arretramento Piatto per ricavarsi Tempo e Spazio, di Matthias Castiglioni

Portiere – Arretramento Piatto per ricavarsi Tempo e Spazio

Cari lettori, oggi vorrei focalizzare l’attenzione su di un dettaglio decisivo al fine di riuscire a preparare al meglio il momento della parata.

Solitamente consigliamo ai nostri atleti di rimanere sempre in posizione corretta rispetto alla palla, ossia mantenere la famosa bisettrice formata dai due pali e dal riferimento principale: la palla. In determinate situazioni però risulta consigliabile abbandonare la bisettrice e la diagonale relativa ai pali per riuscire a ricavarsi spazio, e di conseguenza tempo, in modo da preparare in modo efficace la parata.

In questo caso entra in gioco l’arretramento piatto, ossia il fondamentale tecnico che prevede uno spostamento verso la porta allontanandosi dal punto di impatto della sfera, abbandonando quindi la diagonale al palo. Questa tecnica si può osservare prevalentemente in situazioni che prevedono una traiettoria della palla dalla periferia al centro e tendenzialmente verso l’interno dell’area di rigore; non è inusuale vedere una frequente applicazione anche in situazioni di calcio d’angolo, quando la palla assume una traiettoria verso “dentro-dietro”.

Esecuzione

Ipotizzando di avere a disposizione tre portieri, due fungeranno da assist-man, mentre il terzo, posizionato in porta, eseguirà l’esercizio. Verranno collocati due cinesini al limite dell’area di porta per identificare il punto di partenza del portiere quando i compagni sono in possesso della palla; il preparatore andrà a posizionarsi all’esterno dell’area di rigore in attesa di ricevere la palla da uno dei due portieri in possesso.

Nel momento in cui uno dei due compagni deciderà di trasmettere palla al preparatore, il portiere che esegue l’esercizio andrà ad effettuare il famoso arretramento piatto, andando quindi a ricavarsi maggiore spazio rispetto alla posizione iniziale, avendo cura però di mantenere frontalità (postura verso la palla) al campo. Una volta ricevuta palla il preparatore andrà ad effettuare un tiro in porta sul quale il portiere dovrà intervenire.

Osservazioni

Nella progressione didattica sarà fondamentale porre l’attenzione su specifici obiettivi: innanzitutto il portiere non dovrà mai farsi cogliere in movimento al momento del tiro, per cui anche se non è riuscito a ricavarsi sufficiente spazio dovrà comunque bloccarsi per intervenire in modo efficace sul tiro.

Fondamentale è inoltre mantenere la frontalità della postura verso la palla, riuscendo quindi a porre i due piedi di appoggio sulla stessa linea; da ultimo sarà importante osservare se il portiere, a seguito dell’arretramento, avrà posizionato gli appoggi in modo corretto (ampiezza spalle) per riuscire ad essere comunque efficace nell’intervento.

 

 

Credit Immagine:  https://www.calciointer.net/

Lascia un commento

Hai già un account? Accedi

Powered By MemberPress WooCommerce Plus Integration