fbpx
Sedute allenamento

Seduta allenamento: allenare i principi di tattica collettiva in fase di possesso

14 Agosto 2022

Progressione dal Possesso alla Partita: allenare i Principi di Tattica Collettiva in Fase di Possesso

Nell’articolo di oggi vediamo aggiornata quella che è stata un’intera seduta con una squadra di Giovanissimi; sì perché, la progressione che vedremo, ha impiegato l’intera sessione, coi grossi vantaggi che ora vedremo.

Le proposte sono rivolte alle categorie dell’attività agonistica ma con alcune premesse:

✔️ il gruppo deve essere di buon livello (sia tecnico che tattico);

✔️ il gruppo deve possedere un’elevata capacità di concentrazione (capacità di rimanere concentrati a lungo), visto il carico cognitivo della seduta; valutate le capacità della rosa, ipotizzare di proporre solamente alcuni step della seduta;

Questa modalità operativa ha dei grossi vantaggi:

👍🏻 si annullano di fatto i tempi morti, con un aumento drastico dei tempi di lavoro;

👍🏻 non occorrono spostamenti da un esercitazione all’altro. Si rimane sempre nello stesso spazio, con un risparmio di tempo; si tratterà solamente di aggiungere o togliere “qualcosa”;

👍🏻 si tratta di un lavoro situazionale che si avvicina via via al modello di gara;

👍🏻 affrontando gli obiettivi in progressione crescente, per molti giocatori questo rappresenta un aiuto nella comprensione del compito tattico;

Le finalità della progressione di oggi possono essere davvero moltissime, tanto che occorrerà concentrarsi su alcune piuttosto che su altre.

✅ giocare alle spalle delle linee di pressione avversarie;

scaglionamento a differenti altezze, in particolare nella zona centrale del campo;

✅ rispettare un ordine posizionale – non farsi attrarre dalla palla (beneficiario-benefattore);

✅ corretto orientamento del corpo e visione periferica in fase di possesso. Prima di ricevere devo già sapere se sono marcato o libero;

garantire ampiezza alla manovra;

✅ ri-aggressione immediata;

consolidamento del possesso;

✅ ricerca del dribbling o della collaborazione col compagno per creare un’occasione di tiro

Giocatori coinvolti: minimo 16, ancor meglio con numeri maggiori.

📌 Fase 1.1

⏱ Fase uno: durata 45′

I giocatori vengono tutti coinvolti nello stesso spazio di gioco, dall’inizio alla fine della seduta.

Il campo di gioco viene diviso orizzontalmente in tre zone, con quella centrale più grande. Quest’ultima  viene poi ulteriormente divisa orizzontalmente in tre zone (trequarti difensiva, zona centrale, trequarti offensiva) e con due corridoi laterali.

Sulle due linee di fondo campo posizioniamo tre porticine. Vengono collocate alcune sagome per delimitare le tre zone centrali e aumentare ulteriormente il carico cognitivo dell’esercitazione (maggior richiesta nella ricerca di linee di passaggio libere).

Formiamo due squadre disposte almeno inizialmente per ruoli. Ogni squadra posiziona una sponda nelle due zone esterne, opposte tra loro.

Si consegna un pallone a ciascuna squadra. L’obiettivo per entrambe è quello di muovere la propria palla da una sponda all’altra del proprio colore, trovando un passaggio su tutte e tre le zone centrali.

Assicurare sempre ampiezza alla manovra, tenendo un elemento su ognuno dei due corridoi laterali (non è importante con quale giocatore).

Interscambio con passaggio alla sponda (chi gioca fuori esce mentre la sponda entra). La sponda in profondità (anticipatamente deciso l’orientamento delle due squadre) gioca a un tocco mentre quella a sostegno entra in conduzione.

Ogni volta che ricevo palla ho solamente due possibilità:

✔️ gioco a un tocco a chi vedo;

✔️ gioco a due tocchi orientandomi verso la zona esterna opposta (alla provenienza del pallone);

Le due squadre in questa fase si ostacolano passivamente, muovendosi entrambe sul campo cercando il proprio obiettivo.

📌 Fase 1.2

Un solo pallone, con le due squadre che ora se lo contendono.

L’obiettivo per entrambe resta quello di muovere palla da una sponda all’altra del proprio colore, ottenendo 1 punto trovando un passaggio su ognuna delle tre zone centrali.

Tenere sempre un elemento in ampiezza.

Se non posso progredire dentro, gioco fuori“.

Rispettare le regola precedenti, sia quando si riceve palla, sia sul passaggio alla sponda (queste possono giocare a un tocco o entrare in conduzione).

📌 Fase 1.3

Le due squadre giocano ora per segnare in una delle tre porticine avversarie e difendere le proprie. Si potrà segnare solamente dopo aver trovato un passaggio su ognuna delle tre zone centrali.

Mantenere sempre un elemento in ampiezza fintanto che la palla non viene mossa in attacco (a questo punto si può uscire e accompagnare l’azione).

Il gol su assist della sponda in profondità vale doppio. La sponda in profondità gioca a un tocco mentre quella a sostegno entra in conduzione e avanza fintanto che trova campo libero.

I restanti giocatori rispettano la regola precedente in merito ai tocchi.

📌 Fase 2.1

⏱ Fase due: durata 50′

In questa seconda fase si gioca con compiti sempre alternati per le due squadre. A metà di ogni step invertire gli obiettivi delle squadre.

Squadre schierate in posizione. La squadra nera è coadiuvata dai due Portieri e ottiene 1 punto ogni qualvolta riesce a muovere palla da un portiere all’altro, giocando esclusivamente rasoterra e con un massimo di due tocchi (gioco a un tocco a chi vedo o a due orientandomi).

Mossa palla al portiere opposto, questo la rigioca a un tocco per il gol su una delle tre porticine. Il portiere a sostegno gioca a tocchi liberi. Se la palla esce dal campo si riparte da uno dei due portieri (sempre in favore della squadra nera).

La squadra blu deve pressare in avanti fin dall’inizio azione della squadra nera, con l’obiettivo di recuperare palla e ottenere 1 punto con 4 passaggi consecutivi. In caso di punto, i neri “pompano” (10 piegamenti).

Il ridotto numero di passaggi necessari ad ottenere 1 punto per i blu, obbliga la squadra nera ad essere particolarmente aggressiva a palla persa.

Il Portiere a sostegno può essere utilizzato dalla squadra Blu.

📌 Fase 2.2

Sostituire le porticine con due Porte regolamentari.

La squadra nera gioca rigorosamente a un tocco per segnare nella porta avversaria.

La squadra blu deve segnare anch’essa nella porta avversaria potendo giocare a tocchi liberi; potrà segnare solo dopo un dribbling vinto (dribbling+tiro o dribbling+cross+tiro) o dopo una triangolazione.

Se la palla esce viene rimessa in gioco dall’allenatore.

🔎 Osservazione

Visto il carico cognitivo elevato, consigli vivamente di terminare con una bella partita libera.

Credit Immagine: https://eldesmarque.com

Lascia un commento

Hai già un account? Accedi

Powered By MemberPress WooCommerce Plus Integration