Un Mondo di Giochi

Un Mondo di Giochi: Campo contaminato

20 Maggio 2014

Un Mondo di Giochi: Campo contaminato

L’obiettivo di questa rubrica vuole essere quello di proporre diversi giochi (attività ludiche, che dir si voglia) rivolti in particolare al mondo della scuola (sia essa dell’infanzia o media, primaria e secondaria) ma anche a tutte quelle discipline che sono alla ricerca di un momento ludico per rafforzare le relazioni socio-affettive.

Gioco rivolto principalmente alla scuola superiore (di primo e secondo grado) per l’elevato numero di regole che, in tantissimi casi, rischiano di creare eccessiva confusione (pure con la scuola superiore accade) nei giocatori. Il gioco è la fusione di “Dodgeball“, “Birillo avvelenato” e “Palla prigioniera”, prendendo regole da ognuno di questi. La fascia d’età consigliata è quella tra i 14 anni e gli Adulti.

Formiamo due squadre di ugual numero, schierate ciascuna nella propria metà campo. La superficie di gioco ideale ha le dimensioni del campo di pallavolo (18×9).

Il gioco si svolge con un minimo di quattro palloni fino ai cinque.

Considerazioni: in quasi tutti i giochi che propongo non utilizzo mai un solo pallone; questo per evitare che i protagonisti del gioco siano sempre gli stessi giocatori. Utilizzare diversi palloni permette a tutti di avere maggiori possibilità di prendere e lanciare la palla, di sentirsi maggiormente coinvolti. Inoltre, obbliga i giocatori ad una maggior e notevole capacità di attenzione: immaginate di dover tenere sotto controllo un pallone…ora pensate di doverne guardare cinque!

Più o meno sulla trequarti campo difensiva viene collocato un cono (ne devono essere utilizzati due piuttosto grandi). A seconda dell’età dei giocatori il cono dovrà essere avvicinato o allontanato dalla linea mediana del campo. All’interno di ciascuna metà campo vengono collocati due cerchi.

Il gioco ha inizio con ogni squadra in possesso di un paio di palloni o, in alternativa, questi potranno essere posizionati sulla linea mediana con le due squadre che, partendo da fondo campo, corrono al centro per contenderseli.

L’obiettivo del gioco è quello di eliminare tutti i componenti della squadra avversaria. Per farlo bisognerà lanciare i palloni per colpire i membri della squadra avversaria (di rimbalzo non vale). Chi viene colpito esce momentaneamente dal gioco (con le stesse modalità di Dodgeball). Il secondo giocatore ad essere colpito si metterà all’esterno in posizione numero due e così via. Quando un compagno all’interno afferrerà al volo una palla lanciata dall’altra squadra, chiamerà in campo il primo giocatore che era stato eliminato (a questo punto il secondo diventa il primo e di conseguenza gli altri scalano). L’avversario a cui è stata presa la palla al volo non succederà nulla.

Ci sono tuttavia altri modi per eliminare i componenti della squadra avversaria: uno di questi è quello di abbattere il loro cono. Ogni qualvolta il cono viene abbattuto, il gioco va in pausa. Chi ha lanciato la palla nomina un giocatore della squadra avversaria (attualmente in gioco) che a questo punto viene eliminato dal gioco (con le stesse modalità come se fosse stato colpito).

Il secondo modo è quello di lanciare la palla all’interno di uno dei due cerchi della squadra avversaria. In caso di successo, chi ha lanciato la palla nomina un giocatore avversario ancora in gioco. Questi viene eliminato “definitivamente”, non potendo più rientrare nel proprio campo. Questi finirà in prigione, alle spalle del campo avversario. Nel caso il prigioniero riesca ad afferrare al volo una palla lanciata dai propri compagni (solamente al volo), potrà lanciare per colpire gli avversari o rilanciarla ai propri compagni.

Chi viene colpito dai prigionieri viene a sua volta eliminato e finisce nella prigione avversaria.

A queste regole ne possiamo aggiungere un’altra: giocando con cinque palloni, possiamo sceglierne 2 di un colore, 2 di un altro e un quinto di un altro ancora. Coi palloni bianchi sarà possibile solamente lanciare la palla. Coi palloni arancio sarà possibile anche deviare i lanci della squadra avversaria (se ci si para con un pallone bianco è come se si venisse colpiti). Il pallone nero non potrà essere né schivato ne bloccato al volo. Chi viene colpito dalla palla nera finisce in panchina.

Osservazioni: il gioco è davvero molto ricco di regole, con un carico cognitivo notevole; tanto da dover valutare molto attentamente un suo utilizzo con le classi della scuola media.

VARIANTE

  • Chi lancia la palla nel cerchio avversario può decidere di eliminare un giocatore o di andare nella prigione avversaria. I vantaggi sono “evidenti”, soprattutto nella fase iniziale del gioco.

 

Oltre all’aspetto ludico, le finalità possono essere:

  • Reazione motoria per schivare o bloccare un lancio, valutando anche il colore della palla.
  • Osservare la strategia adottata con la palla in mano: la uso come scudo? La lancio per eliminare o per passarla ai prigionieri? Cerco di colpire il cono o di mandarla nei cerchi? Quando sarà il momento di cercare i cerchi?
  • Osservare la strategia adottata senza palla: gioco per schivare o per bloccarla? Come proteggiamo cono e cerchi?
  • Osservare il grado di intraprendenza degli allievi.

 

Foto: https://www.adiapicoltura.it

Lascia un commento

Hai già un account? Accedi